Quota 100 oggi giovedì novità passaggi e date per legge ufficiale. Quando voto ufficiale Parlamento

Come procede l’iter di approvazione ufficiale della novità di quota 100: ultime notizie ad oggi e prossimi passaggi

Quota 100 oggi giovedì novità passaggi e

Quota 100 oggi iter mancante date legge

Prosegue l’iter di approvazione ufficiale del decreto pensioni per arrivare alla sua conversione in legge. Dopo la presentazione degli emendamenti ufficiali (circa 1.600), proseguono oggi giovedì i lavori in Commissione Lavoro e secondo le ultime notizie dovrebbero concludersi entro il fine settimana. Quando arriverà il voto ufficiale definitivo sulla novità pensioni di quota 100?

Quota 100 novità: iter mancante

Bisognerà aspettare ancora fino alla metà del prossimo marzo per la conclusione dell’iter di conversione in legge del decreto pensioni con la novità di quota 100 che, come ormai ben noto, permetterà da quest’anno (e per tre anni stando a quanto al momento stabilito) di andare in pensione prima a 62 anni di età e 38 anni di contributi, con calcolo di finestre trimestrali per i dipendenti privati e di sei mesi per dipendenti statali.

Al termine delle discussioni in Commissione Lavoro, infatti, il testo lunedì 18 febbraio o al massimo martedì 19 dovrebbe essere approvato in Aula presumibilmente in tempi brevi anche se stando alle ultime notizie forse le discussioni andranno avanti ancora e, di conseguenza, lo stesso voto potrebbe slittare all’inizio della settimana prossima, tra lunedì 25 e martedì 26 febbraio. Poi il testo passerà poi alla Camera piuttosto velocemente in modo da arrivare al voto nella prima settimana di marzo, presumibilmente venerdì 8 marzo o comunque non oltre la seconda settimana del mese.

Voto finale quota 100: passaggi mancanti

Il programma, al momento, sarebbe quello di arrivare al 15 marzo con ogni definizione, chiarimento e voto finale, ma anche se i tempi dovessero un po’ allungarsi non ci sarebbe problema e si rientrerebbe perfettamente nelle tempistiche da rispettare considerando che l’iter del decreto è iniziato il 30 gennaio e calcolando i 60 giorni di tempo massimo disponibile ci sarebbe tempo ancora fino al 30 marzo.

Se tutto si chiudesse entro il 15 marzo (o anche prima), con la conversione del decreto in legge ufficiale, e parallelamente ai lavori del Parlamento si muovesse anche l’Inps con la definizione delle circolari attuative mancanti e la messa a punto del software di calcolo della quota 100, le novità pensioni e quota 100 sarebbero subito ufficiali e al via e le pensioni per quota 100 potrebbe essere accolte dal primo aprile.