Reddito di cittadinanza, lavori che occorre fare per averlo e cosa succede se non si trova lavoro

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Reddito di cittadinanza, lavori che occo

Come funziona il reddito di cittadinanza

Una condizione di base per incassare il reddito di cittadinanza è accettare una delle tre offerte di lavoro avanzate dai centri per l'impiego.

Il patto del reddito di cittadinanza è chiaro: 780 euro mensili garantiti dallo Stato in cambio di 8 ore a settimana di lavoro nel Comune di residenza, anche di pubblica utilità ovvero socialmente utili. Qualche esempio? La lista è molto lunga e comprende anche il supporto alla rieducazione dei tossicodipendenti o dei detenuti, l'assistenza ad anziani o portatori di handicap e più in generale alle persone in difficoltà, la tutela delle aree protette, delle aree verdi e dei parchi naturali o la raccolta differenziata. Ma rientra anche l'ausilio nella valorizzazione del patrimonio culturale o nella conservazione delle aree urbane. Insomma, sapere quali lavori dovrai svolgere per percepire il reddito di cittadinanza è fondamentale per capire il funzionamento del meccanismo di sostegno al reddito.

Come funziona il reddito di cittadinanza se non si trova lavoro

L'altra condizione di base per incassare il reddito di cittadinanza è accettare una delle tre offerte di lavoro avanzate dai centri per l'impiego. E se l'occupazione non viene trovata? Uno scenario verosimile, considerando l'assenza di lavoro per tutti e l'inefficienza di buona parte di queste strutture. Succede che il lavoratore continuerà a percepire 780 euro al mese (se no ha altre entrate). Per reddito e pensioni di cittadinanza sono allora in arrivo circa 10 miliardi, di questi 1 miliardo serve a potenziare i centri per l'impiego come anticipato dal vicepremier Luigi Di Maio. Dal primo gennaio scatta l'integrazione per portare a 780 euro le pensioni, dal primo aprile si estende a disoccupati e lavoratori poveri, e cresce in base ai componenti del nucleo familiare. Tanto per intenderci, il possesso di una casa fa ridurre l'importo del sussidio.

Ne hanno diritto italiani o stranieri residenti da almeno 10 anni, con un reddito annuo inferiore a 9.360 euro per un single. I furbi, è il monito di Di Maio, si beccano 6 anni di galera per dichiarazioni non conformi alla legge. Bisognerà stipulare un patto di servizio con il centro per l'impiego e alla terza offerta di lavoro rifiutata si perderà il diritto a percepire la somma, che sarà versata su una card elettronica spendibile solo per alcuni beni nel territorio italiano Secondo le ultime informazioni fornite dal Governo, il reddito di cittadinanza dovrebbe raggiungere almeno cinque milioni di persone che vivono in condizione di povertà. Una platea ben più ampia di quella del Reddito d'inclusione, che richiederà mezzi e programmazione rilevanti anche nella fase di verifica e non solo di erogazione.

Tempi, costi e possibilità di frodi

Il Governo scrive nella Nota di aggiornamento al Def che il reddito di cittadinanza opererà in via completamente digitale, riducendo tempi, costi e possibilità di frodi. Per i controlli è stato invocato l'incrocio delle banche dati della pubblica amministrazione. Ma resta il problema di intercettare i redditi e le spese in nero che non transitano su conti correnti. Gli elementi noti sul reddito di cittadinanza sono ancora pochi per capire se ci sarà un problema di privacy.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire