Reddito di cittadinanza domande su sito web, INPS e Caf in decreto ufficiale. Da quando, date

di Marianna Quatraro pubblicato il
Reddito di cittadinanza domande su sito

Reddito cittadinanza domande sito web INPS Caf

Quando si può presentare la domanda per avere il reddito di cittadinanza e come: regole e istruzioni da seguire

Il reddito di cittadinanza 2019 si può richiedere, fare domanda dal prossimo mese di marzo 2019, quando sarà pronto il sito web (ma le domande si potranno fare anche all'INPS o Caf)  e, contrariamente a quanto era stato inizialmente detto e vale a dire che non ci sarebbe stato bisogno di presentare alcuna richieste, la domanda per il reddito di cittadinanza deve essere effettuata anche se l'INPS dovrebbe comunciare a tutti gli aventi diritto di poter fare domanda.  Vediamo come e quando e le modalità previste.

Reddito di cittadinanza domande tramito sito web. Le date

Le ultime notizie confermano l’operatività dal prossimo mese di marzo del sito ufficiale reddito di cittadinanza, nuova piattaforma online che custodirà tutti i dati dei singoli cittadini in possesso delle diverse banche dati, da Inps a Comuni, Agenzia delle Entrate, Centri per l'impiego, Anpal e Centri per la formazione privata. Una volta inviata la domanda sul sito lo Stato provvederà ad effettuare relativi e dovuti controlli per dare esito alla domanda stessa.  

Domanda reddito di cittadinanza a Caf e INPS quando e come

Nella gestione della domanda per avere il reddito di cittadinanza giocano un ruolo fondamentale Inps e Caf. E’ possibile, infatti, presentare domanda anche in modalità telematica negli uffici postali o ai Centri di assistenza fiscale convenzionati con l'Inps. Quest’ultimo, dal canto suo, entro cinque giorni lavorativi, deve verificare il possesso dei requisiti da parte del richiedente il reddito per approvare l’erogazione del beneficio, mentre ai Comuni spetta controllare che i requisiti di residenza e soggiorno dichiarati siano reali. Al termie di verifiche e controlli, l’Inps procedere a dare comunicazioni ai richiedenti il reddito di cittadinanza relative all’esito della domanda stessa.

Chi per avere il reddito di cittadinanza fornisce dati e notizie false, incluso l'occultamento di redditi e patrimoni ai fini Isee, o dichiarazioni fiscali, sarà punito con la reclusione da 1 a 6 anni e dovrà restituire quanto indebitamente percepito.  

Reddito di cittadinanza requisiti per poter fare domanda. 

Per poter presentare domanda per avere il reddito di cittadinanza bisogna:

  1. avere un Isee massimo di 9360 euro per nucleo familiare;
  2. essere cittadini italiani, europei o extracomunitari con regolare permesso di soggiorno di lungo periodo;
  3. essere residenti in Italia da almeno 10 anni;
  4. percepire un reddito o una pensione inferiore alla soglia di povertà, cioè sotto i 780 euro mensili;
  5. avere un reddito familiare inferiore a 6 mila euro, per il singolo componente, e fino a 9.360 euro per chi paga l’affitto o il mutuo ed è da adeguare col parametro della scala di equivalenza;
  6. avere un patrimonio immobile di valore massimo di 30mila euro oltre una eventuale casa di proprietà;
  7. avere un patrimonio mobiliare familiare (conti, carte prepagate, titoli, libretti) non superiore a 6mila euro; che aumentano di 2mila euro per ogni componente del nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10 mila euro; e di 5mila euro per ogni componente con disabilità;    
  8. non avere autoveicoli con cilindrata superiore a 1.600 cc e motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei due anni antecedenti, e navi o imbarcazioni da diporto.
  9. iscriversi obbligatoriamente ai Centri per l’impiego per la ricerca attiva di una nuova occupazione; o frequentare corsi di formazione o specializzazione professionale sempre volti al reinserimento nel mondo del lavoro; o aderire ad attività socialmente utili.

Tutte le regole ufficiali e come funziona il reddito di cittadinanza approvato ufficialmente con il decreto attuativo le abbiamo viste in un precedente articolo

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie