Reddito di cittadinanza dopo quanto sarà approvata domanda fatta su sito web ufficiale, Poste Italiane e INPS

di Marianna Quatraro pubblicato il
Reddito di cittadinanza dopo quanto sarà

Reddito cittadinanza approvata domanda sito Poste INPS

Tempi di approvazione domanda per reddito di cittadinanza e accredito soldi: procedura per invio richiesta e cosa sapere

Si attende la fine dell’iter del decreto pensioni contenente anche la misura del reddito di cittadinanza ma nel frattempo le regole per la presentazione dello stesso reddito di cittadinanza sembrano ormai ufficiali, con le novità riportate dalle ultime notizie relative agli emendamenti presentati. Vediamo come e quando si potrà presentare la domanda per richiedere il reddito di cittadinanza e quanto tempo servirà per la sua approvazione la prima erogazione dei soldi previsti.

Reddito di cittadinanza: quando e come fare domanda

La domanda per richiedere il reddito di cittadinanza, come confermano le ultime e ultimissime notizie, si potrà presentare a partire dal prossimo 6 marzo o direttamente online accedendo al sito web ufficiale del reddito di cittadinanza www.redditodicittadinanza.gov.it, che al momento ha solo funzione informativa e chiarisce nel dettaglio a tutti coloro che vi entrano quali sono i requisiti per avere il reddito, quali sono i documenti sono necessari per presentare la domanda e le modalità per richiedere l’Isee e lo Spid, l’identità digitale, o rivolgendosi a Caf o uffici di Poste Italiane. Presentata la domanda, l’Inps provvederà a verificare i requisiti e in caso di esito positivo, l’Inps comunica a Poste Italiane l’esito che, a sua volta, convoca il richiedente per consegnare la carta su cui verranno mensilmente accreditati i soldi previsti dal reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: documenti e modulo per domanda

La domanda per la richiesta del reddito di cittadinanza deve essere accompagnata da una serie di documenti che sono:

  1. modello Isee, con tutti i dati anagrafici, fiscali e patrimoniali, sia mobiliari che immobiliari del richiedente il reddito e componenti del nucleo familiare;
  2. documenti relativi a cittadinanza e residenza;
  3. dichiarazione di disponibilità immediata ad accettare un'offerta di lavoro proveniente dai centri per l'impiego;
  4. firma del cosiddetto patto del lavoro quando si viene convocati la prima volta al centro dell'impiego.
  5. un modulo specifico da compilare che, però, non è ancora disponibile e deve ancora essere predisposto dall’Inps, in accordo con il Ministero del Lavoro.

Reddito di cittadinanza: tempi approvazione domanda e accredito soldi

Presentata la domanda di richiesta per il reddito di cittadinanza, l'Inps ha cinque giorni di tempo, a partire dal momento in cui riceve la domanda stessa, per verificare che i requisiti del richiedente soddisfino quelli richiesti dal reddito di cittadinanza. Una volta effettuate le dovute verifiche, l'Inps comunica alle Poste l'importo da caricare sulla carta prepagata, che non prevede il nominativo del beneficiario del reddito di cittadinanza ma un numero seriale identificativo. Presentata la domanda per il reddito di cittadinanza a partire dal 6 marzo, la sua approvazione dovrebbe avvenire entro il mese di aprile ed entro la fine dello stesso mese saranno accreditati i primi soldi previsti.

Il mese successivo, cioè a maggio, tutti coloro che hanno un’età compresa tra i 18 e i 65 anni devono firmare la Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro in un Centro per l’impiego o Patronato per la Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e a settembre bisogna cercare un navigator, la figura che accompagnerà i beneficiari del reddito di cittadinanza nella ricerca di un lavoro.

Reddito di cittadinanza e adempimenti necessari:le offerte di lavoro

Chi richiede il reddito di cittadinanza deve obbligatoriamente registrarsi sulla relativa piattaforma informatica e consultarla tutti i giorni per rispondere ad eventuali offerte di lavoro. Secondo quanto stabilito dalla norma, nei primi 12 mesi la prima offerta di lavoro potrà arrivare entro 100 km o 100 minuti di viaggio. Se si rifiuta, la seconda offerta potrà arrivare entro 250 km e se si rifiuta anche questa rifiutata la terza offerta potrà arrivare da tutta italia. Dopo il primo anno la prima offerta potrà arrivare fino a 250 km (come la seconda), mentre la terza da tutta Italia e dopo i 18 mesi tutte le offerte di lavoro possono arrivare da tutto il territorio nazionale. Per le famiglie con persone disabili, come riportano le ultime notizie, le offerte di lavoro non potranno mai superare i 250 km.

Stando a quanto riportato dalle ultime notizie relative agli emendamenti presentati al reddito di cittadinanza, è previsto l’obbligo di accettare un’offerta di lavoro che abbia una retribuzione minima garantita superiore a 858 euro, cioè il 10% in più rispetto ai 780 euro previsti dal reddito di cittadinanza.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ultime Notizie