Reddito di cittadinanza novità con Governo Pd-M5S e nuovo Ministro Catalfo

di Marianna Quatraro pubblicato il

Come potrebbe cambiare il reddito di cittadinanza con la nomina del nuovo ministro del Lavoro e novità in vista. Al via fase due

Reddito di cittadinanza novità con Gover

Reddito cittadinanza novita Ministro Catalfo

Pensioni, reddito di cittadinanza, misure per invalidi e disabili, novità per la giustizia, salario minio, taglio del cuneo fiscale e capitolo tasse: il nuovo governo Pd-M5S è a lavoro sulle prime misure da mettere in atto, dopo aver già definito e stilato un programma con punti ufficiali. Con l’ingresso nella squadra di governo di Nunzia Catalfo, nominata nuovo Ministro del Lavoro, le ultime notizie confermano che si lavorerà su pensioni e reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: cosa potrebbe cambiare con nuovo ministro Catalfo

Il reddito di cittadinanza non dovrebbe essere messo in discussione, ma è previsto qualche aggiustamento per rendere la misura più efficace dal punto di vista dell’inserimento lavorativo. Nunzia Catalfo del M5S nominata al ministero del Lavoro è stata la prima firmataria della proposta di legge sul reddito di cittadinanza nel 2013 e sul salario minimo nella scorsa legislatura, cosa che lascia chiaramente intendere come proseguirà nel percorso di definizione del salario minimo, ancora non approvato al contrario del reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia dei pentastellati nella scorsa legislatura ma che ora potrebbe subire cambiamenti, con diversi miglioramenti già richiesti ma anche maggiori controlli.

Stando a quanto riportano le ultime notizie, infatti, il reddito di cittadinanza potrebbe essere cambiato: le richieste di modifica, presentate dal Pd, riguardano gli inserimenti nel mondo del lavoro gli aventi diritto al reddito di cittadinanza. Se, infatti, all’indomani dell’erogazione del beneficio, partito a maggio scorso, primi patti per il lavoro erano attesi per l'inizio di luglio, in realtà coloro che risultano idonei all’attivazione dovrebbero iniziare a siglarli in questi primi giorni di settembre.

Le novità al vaglio al momento riguardano la possibilità di:

  1. inasprire le sanzioni per chi non si presenta nei centri per l'impiego il giorno della convocazione e per chi, dopo l'avvio del percorso di reinserimento lavorativo, non partecipa alle iniziative di orientamento e ai progetti proposti dagli operatori;
  2. far venire meno il calcolo del beneficio del reddito di cittadinanza già alla seconda offerta di lavoro rifiutata, senza aspettare la terza;
  3. di sospensione di due mensilità del reddito di cittadinanza invece di una per chi non si presenta alla prima convocazione senza giustificato motivo;
  4. cancellazione del vincolo di dieci anni di residenza in Italia per gli stranieri che chiedono il reddito di cittadinanza abbassandolo almeno a 5 anni.

Reddito di cittadinanza: procedure attuali

Nell’attesa di novità e ulteriori miglioramenti, con l’arrivo di settembre il reddito di cittadinanza entra nella fase 2, la cosiddetta fase attiva e propositiva che prevede che ogni destinatario riceva nel corso dei mesi fino a tre offerte di lavoro congrue.

Dal 2 settembre, infatti, sono scattata le convocazioni di coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza per il percorso per la ricerca di una nuova occupazione che firmare il Patto per il Lavoro e accettare le offerte i lavoro che saranno proposte dei prossimi mesi.

Le proposte di lavoro sono considerate congrue a seconda della lontananza di posto di lavoro da casa: stando a quanto previsto, nei primi 12 mesi la prima offerta di lavoro è considerata congrua se è entro 100 chilometri di distanza dalla residenza o raggiungibile con un massimo di 100 minuti con i mezzi pubblici; la seconda offerta di lavoro risulta congrua se entro i 250 chilometri; mentre la terza offerta di lavoro può essere ovunque sull’intero territorio italiano.

Dopo 12 mesi anche per la prima offerta di lavoro è considerata congrua se entro i 250 chilometri. Sono esonerati dalla convocazione per la ricerca di un nuovo lavoro coloro che percepiscono la pensione di cittadinanza o gli over65 e disabili.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ti è piaciuto questo articolo? star

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":


Ultime Notizie