Rinnovo contratto bancari 2019 ultimi sviluppi e novità trattative in corso aumenti stipendi e benefit

Ci sono alcuni punti su cui le organizzazioni sindacali sembrano non transigere e hanno collocato sul tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto dei bancari.

Rinnovo contratto bancari 2019 ultimi sv

Trattative rinnovo contratto bancari 2019


Si lavora sul rinnovo del contratto dei bancari e questa volta, nonostante la differenza di vendute tra le organizzazioni sindacali e i vertici delle banche, si procede a spron battuto. Sono le ultime notizie a raccontare di riunioni in corso e incontri già fissati per cercare di trovare la quadratura del cerchio nelle complesse trattative che riguardano anche l'aumento dello stipendio e i benefit, il salario di ingresso per i giovani e le esternalizzazioni, la formazione e lo smart working. Di mezzo, non dimentichiamolo, ci sono circa 30.000 bancari. Di certo c'è che i sindacati hanno le idee piuttosto chiare e hanno elaborato una dettagliata piattaforma di richieste.

Trattative rinnovo contratto bancari 2019

Ci sono alcuni punti su cui le organizzazioni sindacali sembrano non transigere e li hanno collocati sul tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto dei bancari. Si va dall'abbandono del salario di ingresso per i giovani alla formazione dei lavoratori da considerare come diritto soggettivo, dal blocco dell'outsourcing anche per i crediti deteriorati al rafforzamento dell'area contrattuale. E qui si gioca forse la partita più importante, quella dell'aumento dello stipendio per i bancari. Andando subito al sodo, la richiesta è di circa 200 euro in più lordi al mese. per via del recupero dell'inflazione, della produttività e del riconoscimento dell'impegno in termini operativi e professionali dei lavoratori.

Ma ci sono anche le sfide interne da affrontare perché, come argomentato da Giuliano Calcagni, segretario generale della Fisac Cgil, il sindacato autonomo si considera forte in termini di numeri, storia e cultura. Da qui la necessità di trovare l'unità sindacale con i confederali e con gli autonomi della Fabi (Federazione autonoma bancari italiani) che hanno firmato la Carta dei diritti. Non è semplice, ma trovare elementi di unità anche con organizzazioni sindacali che hanno elementi diversi è in questa fase considerato importante.

Bancari, qualcosa si muove

Che il mondo bancari sia in fermento è dimostrato dallo scioglimento della riserva sull'accordo di rinnovo del contratto collettivo dei 35.000 bancari delle Bcc, Casse Rurali e Casse Raiffeisen sottoscritto lo scorso gennaio da parte dei sindacati. Arrivati a questo punto, le disposizioni vanno considerate a tutti gli effetti pienamente efficaci, come spiegato da Federcasse. Per dare seguito alle previsioni del contratto è già stato fissato un calendario di incontri per procedere alla condivisione di un testo coordinato del contratto di lavoro e dare seguito ai diversi impegni previsti dalla parte programmatica dell'intesa.