Concorsi Scuola e PAS 2019-2020, novità del nuovo Governo Pd-M5S

di Marianna Quatraro pubblicato il
Concorsi Scuola e PAS 2019-2020, novità

Concorso Scuola PAS 2019 2020 nuovo Governo

Il ministro dell’Istruzione Fioramonti annuncia nuovo bando per concorso straordinario entro novembre: le ultime novità per scuola

Un bando per concorso straordinario per la stabilizzazione di 24mila docenti precari: è questo l’annuncio dato dal nuovo ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti. Pronte, dunque, novità per concorso scuola e Pas, percorso abilitante per i precari storici, 2019-2020. Vediamo cosa cambia per il concorso per la scuola con il nuovo governo Pd-M5S.

Nuovo concorso per la scuola: bando a novembre

Stando a quanto riportano le ultime novità, il nuovo governo Pd-M5S starebbe lavorando al decreto per l’avvio dei nuovi Pas e del nuovo concorso della scuola straordinario. Il ministro dell’Istruzione ha chiaramente spiegato come la priorità è risolvere il problema dei precari storici di terza fascia, che secondo lo stesso ministro, sono coloro che mantengono la scuola, motivo per il quale si è deciso di lavorare su un concorso straordinario per insegnanti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Il bando, come riportano le ultime notizie, dovrebbe essere pubblicato entro il prossimo mese di novembre e dovrebbe stabilizzare circa 24.000 docenti precari per le assunzioni il prossimo anno scolastico 2020-2021

Potranno partecipare al prossimo concorso straordinario per la scuola secondaria i docenti che hanno maturato tre anni di servizio negli ultimi otto anni e uno degli anni di servizio deve essere stato prestato nella classe di concorso per cui ci si presenta al concorso.

Il ministro Fioramonti ha spiegato che il concorso si svolgerà per merito e titoli, premiando gli insegnanti che negli ultimi anni hanno maturato maggiore esperienza. Nessun riferimento è stato fatto dal ministro alle prove del concorso straordinario, per cui bisognerà probabilmente attendere la pubblicazione del bando.

Ma le novità per la scuola non finiscono qui, perché lo stesso ministro dell’Istruzione Fioramonti ha spiegato che al pari delle assunzioni dei 24mila precari bisogna immettere in ruolo un numero equivalente di persone con un concorso ordinario, che resta la strada principale per entrare in ruolo nel mondo della scuola ma per cui non sono stati fatti riferimenti al nuovo bando. In merito al concorso ordinario, i requisiti richiesti sono diversi rispetto a quelli previsti per il concorso straordinario.

Se per quest’ultimo, infatti, servono anni di servizio per accedervi, almeno 3, per il concorso ordinario i requisiti richiesti sono:

  1. essere abilitati nella classe di concorso scelta;
  2. aver conseguito una laurea, magistrale o a ciclo unico o un diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, o titolo equipollente o equiparato;
  3. aver conseguito 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;
  4. abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione;    
  5. laurea più tre anni di servizio.

Per i posti di sostegno, poi, sono richiesti i requisiti appena indicati per i posti più il titolo di specializzazione su sostegno.

Pas 2019-2020: novità possibili

Nessuna novità è stata, invece, detta per i nuovi Pas, percorso abilitante per i precari storici, che, stando a quanto già annunciato dall’ex ministro Bussetti dovrebbero essere banditi entro la fine dell’anno, per permettere a chi ha già insegnato a lungo da precario di avere l’abilitazione.

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":