Decreto scuola 2019, assunzioni precari e nuovi concorsi ordinari e straordinari 2020

di Marianna Quatraro pubblicato il

Via libera dal Consiglio dei Ministri al nuovo Decreto Scuola 2019: cosa prevede per concorsi scuola a non solo. Le misure

Decreto scuola 2019, assunzioni precari

Decreto scuola 2019 assunzioni concorsi ordinari straordinari

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al nuovo Decreto Scuola per l'assunzione di 24mila precari e ulteriori immissioni in ruolo ma non solo. Le misure per la scuola approvate dal CdM sono diverse. Vediamo cosa prevedono le misure del nuovo Decreto Scuola 2019 e come saranno i nuovi concorsi della scuola straordinario e ordinario.

Decreto Scuola 2019: cosa prevede

I provvedimenti approvati dal Consiglio dei Ministri per la scuola, l’università e la ricerca e relativo rinnovamento e crescita della competitività prevedono:

  • nuovo concorso straordinario per la stabilizzazione di 24mila precari;
  • nuovo concorso ordinario per nuove immissioni in ruolo nella scuola primaria e secondaria;
  • nuovo concorso riservato per i DSGA (i Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi) facenti funzione;
  • cancellazione delle rilevazioni biometriche degli accessi e degli orari di servizio per il personale ATA (ausiliario, tecnico e amministrativo) e il personale scolastico;
  • validità di nove anni (e non più sei) per le abilitazioni scientifiche nazionali;
  • semplificazione dell’internalizzazione dei servizi di pulizia delle scuole e degli acquisti di beni e servizi destinati alla ricerca;
  • ulteriori stabilizzazioni per i precari degli Enti Pubblici di Ricerca.

Il Ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha spiegato che l’approvazione del nuovo Decreto Scuola rappresenta un chiaro impegno per dare centralità alla scuola perché proprio dalle scuole inizia la costruzione di una nuova società.

Nuovi concorsi scuola straordinario e ordinario

Per i nuovi concorsi della scuola, i cui bandi, stando alle ultime notizie, si starebbero preparando ad arrivare (secondo le indiscrezioni tra fine novembre e inizio dicembre) e contestualmente, il nuovo concorso straordinario della scuola punta all’assunzione di circa 24.000 docenti precari che hanno già almeno tre anni di esperienza di insegnamento nella scuola pubblica ma che non hanno i requisiti per partecipare ai concorsi ordinari per immissioni in ruolo e il concorso sarà per titoli ed esami.

Coloro che risulteranno vincitori di concorso straordinario dovranno rimanere almeno cinque anni nella sede di prima assegnazione per garantire continuità didattica.

Per quanto riguarda il nuovo concorso ordinario della scuola per scuola dell’infanzia e primaria e secondaria, non sono richiesti tre anni di servizio ma:

  • aver conseguito una laurea, magistrale o a ciclo unico o un diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, o titolo equipollente o equiparato;
  • aver conseguito 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche;
  • essere abilitati nella classe di concorso scelta o avere abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione.

Tre le prove previste in questo caso: una scritta basata esclusivamente sulla materia scelta di insegnamento, una sulle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche e una orale. I vincitori di concorso saranno assunti a partire dall’anno scolastico 2020-2021.

Nuovo concorso per DSGA

Non solo concorsi per docenti: le ultime notizie confermano, infatti, anche l’arrivo di un nuovo concorso gli assistenti amministrativi che per almeno 3 anni hanno svolto le funzioni di dirigenti scolastici DSGA. I vincitori saranno immessi in ruolo contestualmente a quelli del concorso ordinario.

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":