Scuola promozioni, bocciature, voti il piano Governo per coronavirus

di Marianna Quatraro pubblicato il
Scuola promozioni, bocciature, voti il p

Scuola promozioni bocciature voti piano Governo coronavirus

Incertezza sulla riapertura delle scuole prima della fine dell’anno scolastico: ipotesi da ministro Azzolina per promozioni e voti per alunni

Scuole chiuse in Italia ancora fino al prossimo 13 aprile a causa dell’emergenza coronavirus e non è certo che oltre tale data si potrà tornare sui banchi. Al momento dubbi e incertezze su come terminerà questo an scolastico sono tantissime ma la certezza è che fino a quanto non si sarà in totale sicurezza bambini e ragazzi non torneranno a scuola. M qual è il piano del governo per la scuola bloccata a causa dell'emergenza coronavirus?

Piano scuola promozioni e bocciature per coronavirus

La domanda ricorrente in questo periodo è come saranno valutati i ragazzi al termine di quest’anno scolastico? Quali potrebbero essere le conseguenze di ciò che sta accadendo a causa dell’emergenza coronavirus per tutti gli alunni che stanno per terminare l’ano scolastico e non si sa ancora se potranno tornare a scuola prima di giugno o direttamente a settembre.

Il ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, ha rassicurato innanzitutto sul fatto che l’emergenza coronavirus con tutte le improvvise novità portate nel mondo della scuola non pregiudicherà nulla, né la perdita dell’anno, né valutazioni personali.

Ha poi precisato che non ci sarà alcun prolungamento dell’anno scolastico a luglio o ad agosto, come si era vociferato, ma terminerà come sempre a giugno. Secondo quanto detto, inoltre, tutti i ragazzi dovrebbero essere promossi, nessuna bocciatura dovrebbe, dunque, profilarsi all’orizzonte di quest’ano scolastico ma ciò non significa che i meno meritevoli passeranno all’anno successivo senza impegno. Novità in discussione anche per i prossimi esami di maturità che potrebbero svolgersi diversamente quest’anno.  

Piano scuola voti per coronavirus

Il ministro Azzolina, nonostante abbia sempre ribadito di essere contraria al ‘classico’ 6 politico, ha anche spiegato che in una inaspettata situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo, il piano potrebbe essere quello di promuovere tutti nonostante i debiti in una o più materie, organizzando poi recuperi e verifiche all'inizio del nuovo anno scolastico.

Ultime Notizie