Sono un disoccupato quali sono gli aiuti per il coronavirus per me Marzo-Aprile 2020

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Sono un disoccupato quali sono gli aiuti

Coronavirus, aiuti marzo-aprile per disoccupati

I disoccupati sono coloro che si trovano senza un lavoro ma sono attivi nel cercarlo e che si trovano adesso senza un aiuto da parte dello Stato e con difficoltà a ricollocarsi.

Sono state settimane durissime sotto il profilo lavorativo ed economico per via dell'emergenza sanitaria del coronavirus. E altre, altrettanto dure, si prospettano per le prossime settimane.

Abbiamo imparato una cosa bene precise: per alcune categorie questa crisi è stata più violente che per altre. Non solo per la perdita di ricavi, ma anche per via di opportunità svanite.

Pensiamo per esempio ai disoccupati ovvero coloro che si trovano senza un lavoro ma sono attivi nel cercarlo, che si trovano adesso nella peggiore delle condizioni ovvero senza un aiuto da parte dello Stato e con poche realistiche speranze di potersi collocare nel mercato lavorativo.

A differenza dei dipendenti che, ad esempio, possono godere della cassa integrazione che copre l'80% dello stipendio, i disoccupati non hanno a oggi alcuna facilitazione economica.

Anche l'ormai famoso bonus di 600 euro una tantum, per il mese di marzo, destinato a diventare di 800 euro in quello di aprile, coinvolge i solo lavoratori iscritti alla gestione separata dell'Inps e non i disoccupati. Analizziamo quindi

  • Coronavirus, aiuti marzo-aprile per disoccupati
  • Disoccupati, agevolazioni anche ad aprile

Coronavirus, aiuti marzo-aprile per disoccupati

In attesa del reddito di emergenza che spiegheremo nel dettaglio nel paragrafo successivo, i disoccupati possono fare riferimento alla Naspi ovvero la prestazione economica erogata ai lavoratori dipendenti che hanno perso involontariamente l'occupazione.

L'indennità spetta dall'ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda è presentata entro l'ottavo giorno oppure dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda se è stata presentata dopo l'ottavo giorno.

Anche in questo periodo di coronavirus, in caso di nuova occupazione con contratto temporaneo inferiore, o pari a 6 mesi, la Naspi viene sospesa e riprende al termine del contratto per essere corrisposta per il periodo residuo.

L'indennità è corrisposta tutti i mesi per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni. Ed è rapportata alla retribuzione media imponibile ai fini previdenziali percepita negli ultimi 4 anni.

Alla Naspi si applica una riduzione del 3% per ciascun mese, a partire dal primo giorno del quarto mese dopo i primi sei di fruizione. Il pagamento avviene tutti i mesi e comprende gli assegni al nucleo familiare, se spettanti.

Disoccupati, agevolazioni anche ad aprile

Sono con il mese di aprile sarà approvato il reddito di emergenza per coronavirus ovvero il meccanismo di sostegno economico riservato a chi si trova in difficoltà ovvero è disoccupato, svolge lavori saltuari ovvero in nero.

I contorni di questa misura vanno definiti con precisione, ma sappiamo che l'intenzione del governo è di erogare una somma tra 400 e 500 euro per 1 o 2 mesi.

La principale attenzione è sui requisti richiesti perché potrebbe essere necessario aver lavorato anche per un brevissimo periodo negli ultimi 12 mesi e dunque avere una posizione contributiva aperta.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire
Ultime Notizie