Sono una azienda quali sono per me gli aiuti Marzo-Aprile 2020 per coronavirus

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Sono una azienda quali sono per me gli a

Coronavirus, aiuti marzo-aprile per aziende

Tra i nuovi aiuti per le aziende rientrano la sospensione delle scadenze fiscali per sostenere il tessuto produttivo e all'estensione della protezione del golden power.

Anche le aziende italiane sono destinatarie di misure ad hoc per il contrasto all'emergenza coronavirus. Il governo è intervenuto a più riprese e la disponibilità di 400 miliardi di euro sotto forma di prestito, contenuto nel decreto Liquidità, è solo l'aiuto più recente ed evidente.

Così come nel decreto Cura Italia è stata introdotta la cassa integrazione semplificata anche per le aziende con un solo dipendente e con durata massima di 9 settimane. Nel mezzo ci sono tanti altri provvedimenti di cui le aziende possono evidentemente fruire (o lo hanno già fatto) tra i mesi di marzo e aprile 2020.

Pensiamo ad esempio alla sospensione delle scadenze fiscali per sostenere il tessuto produttivo e all'estensione della protezione del golden power, incluse anch'esse nel decreto Liquidità.

Ma potremmo ricordare anche il congelamento dei versamenti per imprese e lavoratori autonomi, il credito d'imposta per spese di sanificazione e quello per botteghe e negozi.

Di tenore diverso sono le deduzioni erogazioni liberali a sostegno delle misure a contrasto dell'emergenza coronavirus, ma è da segnalare anche la sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all'agente della riscossione dell'Agenzia delle entrate. Vediamo allora

  • Coronavirus, aiuti marzo-aprile per aziende
  • Aziende, facilitazioni fiscali anche ad aprile

Coronavirus, aiuti marzo-aprile per aziende

Per alleviare le difficoltà e preparare la strada per la ripresa, con il decreto Liquidità il governo ha messo sul tavolo 400 miliardi di euro di prestiti per le imprese, introducendo anche un fondo Fondi di garanzia del 100% per quelli fino a 25.000 euro per le piccole e medie imprese.

La restituzione avviene in 6 anni e senza valutazione del merito credito. per le imprese fino a 3,2 milioni di euro di fatturato, il Fondo garantisce il 90% dei finanziamenti fino a 800.000 euro, a cui aggiungere il 10% di Confidi.

Al 90% anche il Fondo prestiti fino a 5 milioni di euro per le pmi fino a 499 euro. Ecco quindi il golden power per la difesa delle imprese a tutela del principio della sicurezza nazionale, indipendentemente dalla dimensione.

Aziende, facilitazioni fiscali anche ad aprile

Tra le prime agevolazione previste c'è stata la sospensione versamenti in autoliquidazione di ritenute e trattenute relative alle addizionali regionale e comunale, Iva e contributi previdenziali e assistenziali.

I versamenti devono essere quindi effettuati senza applicazione di sanzioni e interessi entro il 31 maggio 2020 o con rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo dal mese di maggio 2020.

Ecco quindi il doppio credito d'imposta. Il primo è pari al 50% delle spese di sanificazione degli ambienti fino a un massimo di 20.000 euro.

Il secondo è del 60% ed è relativo agli affitti di negozi e botteghe (categoria C1). Da segnalare quindi le deduzioni erogazioni liberali a sostegno delle misure a contrasto dell'emergenza coronavirus.

Sono deducibili dal reddito d'impresa e i beni ceduti gratuitamente non si considerano destinati a finalità estranee all'esercizio dell'impresa. Ai fini Irap le erogazioni liberali sono deducibili nell'esercizio in cui avviene il versamento.

Infine, sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all'agente della riscossione dell'Agenzia delle entrate.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sui diritti per i lavoratori per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Puoi Approfondire
Ultime Notizie