Tutte le novità e modifiche previste per assunzioni, supplenze e mobilità docenti 2023

di Marianna Quatraro pubblicato il
Tutte le novità e modifiche previste per

Assunzioni supplenze mobilita docenti 2023 novita modifiche

Tutte le novità e modifiche previste per assunzioni, supplenze e mobilità docenti 2023

Quali sono le novità e tutte le modifiche previste per assunzioni, supplenze e mobilità docenti nel 2023? All’indomani del rinnovo del Contratto Scuola, finalmente ufficiale, e che ha definito sia aumenti degli stipendi tabellari per docenti e personale Ata della scuola, e sia pagamenti di arretrati dovuti a chi è ancora in servizio e chi nel frattempo è andato in pensione, si preparano ad essere definite ulteriori novità per il mondo della scuola. Vediamo cosa prevedono.

  • Mobilità docenti 2023 novità previste
  • Modifiche previste per assunzioni e supplenze docenti 2021

Mobilità docenti 2023 novità previste

Cambia dal prossimo anno 2023 molto probabilmente la mobilità per il personale docente, educativo della scuola e che dovrebbe avere durata biennale e non più triennale, forse già a partire dal prossimo mese di febbraio.

La mobilità 2023 dovrebbe prevede i seguenti vincoli:

  • vincolo di permanenza di tre anni per i docenti neoassunti dall’anno scolastico 2023, tenuti a rimanere nella scuola di titolarità, nello stesso tipo di posto e classe di concorso, per tre anni scolastici, ad eccezione di casi di sovrannumero o esubero o di docente con grave disabilità o che assiste soggetto con grave disabilità; 
  • durante i 3 anni di vincolo, gli interessati possono comunque presentare domanda di assegnazione provvisoria/utilizzazione nella provincia di titolarità e accettare il conferimento di supplenze per l’intero anno scolastico per altra tipologia o classe di concorso per cui abbia titolo;
  • vincolo di permanenza triennale nella scuola di titolarità in caso di trasferimento o passaggio di ruolo o cattedra interprovinciale su qualsiasi preferenza espressa (secondo la Uil, il vincolo non dovrebbe essere applicato);
  • vincolo di permanenza triennale nella scuola di titolarità in caso di trasferimento o passaggio di ruolo/cattedra provinciale su preferenza puntuale ovvero di trasferimento/passaggio nel comune di titolarità.

Non dovrebbe, invece, più essere prevista per i neoassunti la possibilità di acquisire la sede di titolarità, presentando domanda di trasferimento.

Dunque, le novità 2023 relative alla mobilità nella scuola confermano il vincolo triennale ma non per i docenti assunti dall’anno scolastico 2021-2023.

Modifiche previste per assunzioni e supplenze docenti 2021

Passando al capitolo assunzioni, con la nuova Legge di Bilancio 2023 dovrebbero essere definite diverse per migliaia di assunzioni di docenti tra il 2023 e il 2024 grazie anche a nuovi concorsi per le assunzioni dei docenti.

In particolare, i bandi in arrivo dovranno garantire la copertura dei 70mila posti di lavoro nel personale docente, come stabilito dal Pnrr, ed è inoltre previsto, sempre nella nuova Manovra, un aumento della dotazione economica per l’organizzazione dei concorsi docenti di 10 milioni di euro per 2024 e 2025 proprio per i concorsi per il reclutamento del personale docente delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado previsti dal PNRR.

Gli inserimenti richiesti dal PNRR per la scuola devono essere effettuati con il nuovo sistema introdotto dalla riforma del reclutamento docenti e concludersi entro dicembre 2024. Per quanto riguarda, invece, le supplenze, bisognerà presentare domanda per l’assegnazione delle supplenze a tempo determinato per il prossimo anno scolastico.

Inoltre, da quest'anno e ancora per il 2023, il reclutamento del personale docente per le supplenze annuali avviene in modalità informatizzata e le novità relative alla presentazione delle istanze per le supplenze sono le seguenti:
possibilità di rinunciare alla graduatoria in cui risulta incluso con riserva per l’aspirante che per la stessa graduatoria sia incluso una volta con riserva e una volta a pieno titolo in una fascia inferiore;
possibilità di scegliere per l’aspirante che opti per il completamento se il completamento debba avvenire nell’ambito della scuola, del comune, del distretto o della provincia.