Alimenti, nuove ricerche e studi indicano quelli a più alti rischi per la salute

I cibi ultraprocessati sono quelli più rischiosi per la salute dell’organismo umano: quali sono e che effetti hanno se consumati sempre

Alimenti, nuove ricerche e studi indican

Alimenti ricerche studi alti rischi salute

Passa il tempo e sono sempre più gli alimenti che, dopo diversi studi e analisi, risultano essere rischiosi per la salute. A svelare quali sono gli alimenti più a rischio per la salute sono nuove ricerche condotte negli ultimi anni. Vediamo cosa è emerso.

Alimenti: quali sono quelli più rischiosi

Stando a quanto riportano i risultati di uno studio condotto dall’Università spagnola della Navarra e pubblicato sul British medical journal, sono decisamente rischiosi per la salute dell’organismo umano alimenti cosiddetti ultraprocessati: si tratta di piatti pronti, cereali per la colazione, gelati che se consumati per più di quattro porzioni al giorni possono aumentare del ben 62% tutte le cause di mortalità.

E la percentuale di mortalità aumenta al 18% per il consumo di ogni porzione aggiuntiva di alimenti ultraprocesssati. Inoltre, stando a quanto spiegato da Mathilde Touvier, direttrice di ricerca in Epidemiologia nutrizionale, i cibi ultraprocessati aumentano il rischio di sviluppare tumori del 12%.

Alimenti rischiosi: quali sono i cibi ultraprocessati

Gli alimenti ultraprocessati nel mirino sono sostanzialmente i cibi confezionati lavorati industrialmente, che contengono conservanti, coloranti, aromi, e subiscono trattamenti come la frittura, che modifica l’alimento stesso.

Il risultato a cui è giunto lo studio è frutto di ben quindici anni di monitoraggio delle abitudini alimentari di 20mila consumatori spagnoli con età compresa tra 20 e 91 anni. In 15 anni di monitoraggi sono decedute 335 persone del campione e di queste coloro che avevano l’abitudine di consumare cibi ultraprocessati hanno registrato un rischio maggiore per tutte le cause di mortalità rispetto a coloro che consumavano questi alimenti in quantità bassissime e una tantum.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il