Carboidrati, priorità da conoscere reali e motivi per mangiarli

Come funziona la dieta dei carboidrati: cosa prevede, su cosa si basa e consigli per perdere peso in maniera equilibrata

Carboidrati, priorità da conoscere reali

Dieta carboidrati tre sistemi differenti regole


Occorre andare al di là delle credenze e del sentito dire, e cercare di capire davvero le vere proprietà beneficihe dei carboidrati.

La credenza, da sempre, è quella che i carboidrati facciano ingrassare tanto che spesso vengono ridotti e addirittura eliminati dai regimi alimentari che puntano alla perdita di peso. Ma mai credenza fu più falsa, tanto che si parla anche di dieta dei carboidrati che permetterebbero, al contrario di quanto si pensa, di dimagrire. I carboidrati sono, infatti, fondamentali per il corretto funzionamento dell'organismo.

Dieta dei carboidrati: cosa prevede

La dieta dei carboidrati, conosciuta come dieta dei Carb Lovers, nata negli Stati Uniti da Ellen Kunes e Frances Largeman-Roth autori della famosa rivista Health, sembra per antonomasia il contrario di una vera dieta eppure così non è considerando che permette di perdere i chili in eccesso. Il principio su cui si basa la dieta dei carboidrati è che questi elementi sono indispensabili per i corretto funzionamento del nostro organismo se mangiati nelle giuste quantità. Puntando sull'amido resistente, contenuto soprattutto nell'avena, la dieta dei carboidrati permette di perdere fino a 4 kg al mese privilegiando alimenti ricchi di amido resistente, carboidrato che resiste alla digestione nell'intestino tenue.

La dieta dei carboidrati permette di dimagrire un chilo a settimana mangiando i carboidrati, con un apporto calorico di 1200 calorie nella prima settimana in cui si perdono circa 2,5 kg, e una seconda fase da 1600 calorie per 21 giorni, in cui si perde un chilo a settimana, riuscendo così a perdere 5,5, kg nel primo mese. In entrambi le fasi, bisogna bere almeno 1,5 litro di acqua per eliminare la ritenzione idrica e permettere al corpo di smaltire più velocemente le tossine.

Questa dieta prevede che 1/4 di ogni pasto sia costituito da un alimento ricco in amido resistente, come patate e patate dolci, mais, pane o riso integrale, banane, pasta, orzo perlato, fagioli Navy, avena, lenticchie, accompagnato da carne magra, formaggi magri, grassi sani, frutta e verdura, e una volta alla settimana è prevista la possibilità di mangiare dolci e consumare alcolici.

Dieta dei carboidrati: pro e contro

Sono certamente diversi i pro garantiti dalla dieta dei carboidrati, contrariamente a quanto si pensa. E anzi, sembrerebbe avere molti pro e quasi inesistenti contro, visto che garantisce all’organismo l’apporto di tutti i nutrienti di cui ha bisogno senza bandire alcun alimento. Anche se la regola da seguire è sempre quella di non eccedere. Privilegiando, infatti, come detto, alimenti ricchi di amido resistente, carboidrato che resiste alla digestione nell'intestino tenue, la dieta dei carboidrati ha diversi pro:

  1. garantisce un senso di sazietà;
  2. aiuta a bruciare i grassi, controllando il livello di zuccheri nel sangue;
  3. stimola il metabolismo;
  4. riduce l'appetito;
  5. è un regime alimentare bilanciato dal punto di vista nutrizionale grazie al giusto apporto di carboidrati, proteine, vitamine con frutta e verdura, cereali integrali e fibre e sali minerali;
  6. gli alimenti ad amido resistente RS sono facili da trovare, non sono costosi e soprattutto sono buoni da mangiare.
  7. Inoltre, accompagnata, come sempre consigliato, da adeguata attività fisica, riesce anche a garantire la tonicità della pelle e dei muscoli.