Collirio ritirato da farmacie dopo tanti altri farmaci richiamati. Motivi e rischi salute

L'AIFA ha deciso di ritirare dalla vendite delle farmacie il collirio Ocusynt: a cosa serve e motivi. Altri farmaci già ritirati

Collirio ritirato da farmacie dopo tanti

Collirio ritirato altri farmaci Motivi rischi salute


Ancora una decisione di ritiro di un farmaco dalle farmacie: questa volta di tratta di un collirio. Vediamo quali sono i motivi che hanno portato al ritiro della vendita del collirio e quali sono i possibili rischi per la salute.

Collirio ritirato dalle farmacie, motivi e rischi

Stando a quanto riportano le ultime notizie, l'AIFA (Agenzia italiana del farmaco) avrebbe deciso di ritirare dalla vendite delle farmacie il collirio Ocusynt, usato nella cura di malattie patologiche come il Glaucoma, prodotto dalla ditta Bausch & Lomb-Iom Spa, bloccando i lotti numero 511618 con scadenza aprile 2020 e numero 512318 con scadenza giugno 2020 del farmaco COLL 30FL0,2ML50MCG/ML – AIC 038612038.

Stando a quanto si legge nel comunicato diffuso dalla stessa Agenzia, il ritiro del collirio sarebbe stato deciso in via cautelare a causa di risultati fuori specifica. L’Aifa è già intervenuta anche su altri ritiri di collirio con diverse caratteristiche.

Altri farmaci richiamati, motivi e rischi salute

Il collirio ritirato dal mercato è solo l’ultimo farmaco ritirato che ne segue altri di recenti ritiro. E stiamo parlando del ritiro dalla vendita nelle farmacie di 12 lotti di un farmaco che serve per la terapia e cura della tosse e le malattie da raffreddamento.

Si tratta, in particolare, dei lotti della specialità medicinale Carbocisteina Eg n. 1701 con scadenza 04-2019, 1702 con scadenza 05-2019, 1703 con scadenza 05-2019, 1704 con scadenza 09-2019, 1705 con scadenza 09-2019, 1706 con scadenza 09-2019, 017 con scadenza 09-2019, 027 con scadenza 09-2019, 038 con scadenza 04-2020, 048 con scadenza 04-2020, 058 con scadenza 06-2020 e 068 con scadenza 07-2020.

Carbocisteina Eg viene usato per la cura di varie malattie e patologie come tosse, raffreddore, faringite, rinite allergica, bronchiectasie, influenza, laringite acuta o cronica, polmonite, rinite allergica e il motivo del ritiro sarebbe un’impurezza riscontrata durante gli studi di stabilità.

Altro farmaco ritirato di recente dal commercio è l’AKIS, farmaco usato per il trattamento sintomatico di infiammazioni articolari, mal di schiena, dolori causati da calcoli renali, fratture, traumi, dolori causati da ferite, e del dolore a seguito di operazioni. Il motivo del ritiro è l’impossibilità di coesione sul mercato dello stesso prodotto con differenti AIC ma in tal caso non è stato riscontrato alcun difetto di qualità per il prodotto.