Dentifrici e prodotti per sbiancare i denti possono essere pericolosi per ricerca

Evitare trattamenti di sbiancamento che potrebbero far male e consigli per tenere i denti sempre bianchi: quali sono e cosa sapere

Dentifrici e prodotti per sbiancare i de

Denti bianchi consigli Prodotti dentrifici migliori

Avere denti bianchi è certamente una questione di igiene, sintomo di una accurata e costante pulizia dei denti, ma è anche un gran bel biglietto da visita, considerando che un sorriso sfoggiato, come si suol dire, a 32 denti 'brillanti' colpisce certamente moltissimo. Ma da cosa dipende la brillantezza dei nostri denti? E quali sono i migliori sistemi per mantenerli sempre bianchi o sbiancarli?

I rischi di avre i denti sempre bianchi

Sbiancare i denti con prodotti e trattamenti sbiancanti a volte può rivelarsi una scelta dannosa per gli stessi denti perché molti di questi prodotti possono rivelarsi pericolosi. Stando alle ultime notizie emerse da recenti indagini scientifiche sull'effetto dei prodotti da banco per sbiancare i denti, infatti, potrebbero danneggiare lo smalto che dà forza al dente.

Del resto, secondo le stesse ricerche, lo sbiancamento è una procedura che comporta sempre delle alterazioni della struttura dello smalto e della dentina ma si tratta di alterazioni normalmente transitorie, considerando che il dente è un organo che scambia sostanze con l'ambiente circostante. Ma trattamenti aggressivi, costanti e soprattutto come fai da te come le tanto pubblicizzate strisce per lo sbiancamento potrebbero compromettere comunque la salute del dente.

In particolare, da una recente ricerca della Stockton University nel New Jersey sugli effetti nocivi delle strisce per sbiancamento denti è emerso che se fino ad oggi si pensava che i danni fossero solo a livello dello smalto ora, invece, si è scoperto che il perossido di idrogeno usato per ridare candore ai denti penetra oltre il primo strato, passando dal cemento e arrivando alla dentina che costituisce le pareti della camera della polpa e dei canali radicolari.


La componente chimica contenuta nelle strisce per sbiancamento denti attacca una proteina della dentina e la distrugge indebolendo i denti e provocando una maggiore sensibilità dentale e nei casi più gravi anche la possibilità di perdere il dente.

Come fare, dunque, a sbiancare i denti nel caso in cui si valutassero ingialliti senza ricorrere a prodotti aggressivi e pericolosi? La risposta potrebbe essere più semplice di quanto si immagini. Il bianco dei denti si può, infatti, mantenere semplicemente preferendo alcuni alimenti che aiutano la ‘salute’ dei denti, come;

  1. le mele che, per chi non lo sapesse, detergono i denti e la loro acidità e mordente permettono di riassorbire il tartaro;
  2. carota e sedano rapa che hanno un effetto pulente sui denti;
  3. il formaggio, che combatte gli acidi alimentari che potrebbero erodere lo smalto.

Denti bianchi: i consigli per mantenerli sempre bianchi

Per avere denti bianchi senza dover necessariamente ricorrere allo sbiancamento che, come detto, in alcuni casi potrebbe danneggiare lo smalto dei denti stessi, i consigli sono quelli soprattutto di seguire le buone pratiche di pulizia orale e procedere sempre a:

  1. scegliere lo spazzolino migliore per pulire bene i denti ed evitare la formazione di tartaro e altre macchie indesiderate e cambiarlo ogni 3 mesi;
  2. lavarsi i denti ogni giorno regolarmente per almeno tre volte al giorno e per 2 minuti;
  3. scegliere dentifrici sbiancanti con microgranuli agiscono contro il tartaro;
  4. non esagerare con caffè e thè, che contribuiscono all'ingiallimento dei denti.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il