Dieta riso integrale: vantaggi e come procedere. E in alternativa quattro diete differenti

Se la fame si fa dura, a metà mattinata o al pomeriggio 100 grammi di mela cotta o cruda e un bicchiere di acqua e succo di limone. Bastano 9 giorni.

Dieta riso integrale: vantaggi e come pr

Dieta del riso integrale


La dieta del riso integrale è una al momento al centro dell'atttenzione, per il suo funzionamento, rapidità e tempistiche e finalità. Ma non è detto che possa andare bene a tutti e, dunque, oltre a questa ne illustriamo altre quattro per soddisfare le singole esigenze e obiettivi di ognuno come dovrebb fare ogni refime alimentareche si rispetti.

Messe definitivamente alle spalle le festività di fine e di inizio anno, è tempo di fare i conti con la bilancia. In quanti si sono accorti di essersi fatti prendere troppo dalla gola con un lieve aumento della circonferenza? Di certo non è il caso di scoraggiarsi ovvero di farsi sopraffare dai rimorsi. Basta mettersi in regola da oggi in poi e dunque darsi una moderazione con un regime alimentare più equilibrato e sano, magari affiancato da una moderata attività fisica. Nulla di eccessivamente complicato e alcuni suggerimenti possono rivelarsi preziosi e salvifici. Ad esempio, la dieta del riso integrale promette di far dimagrire fino a 4 chili in 9 giorni. Naturalmente occorrono tutte le cautele del caso e dunque seguire questo regime alimentare solo in caso di perfette condizioni di salute

Dieta del riso integrale per rimettersi in forma

Quando si cambia il regime alimentare e si sconvolgono le abitudini a tavola occorre allora procedere con la dovuta cautela e, nel caso di dubbi, consultare il proprio medico o nutrizionista. E poi, altra premessa indispensabile, on va seguita dalle donne in stato di gravidanza. Lo schema da seguire è piuttosto semplice e non prevede complicazioni: tre giorni di riso integrale, tre giorni di pollo e tre giorni di mele. Si tratta dunque di una dieta che, come anticipato, dura 9 giorni. Al netto di condizioni particolari e situazioni specifiche, c'è chi assicura una riduzione di peso di 4 chili. Un vero e proprio record. L'attenzione va dunque posta sia sulla quantità e sia sul tipo di alimenti.

La colazione passa da un bicchiere di acqua e succo di limone (dalle proprietà depurative oltre che energizzanti), un caffè o tè a scelta senza zucchero (le abitudini tutte italiane continua a essere rispettate), una mela da 200 grammi cotta al forno o al microonde, anche un po' di cannella per dare sapore. C'è anche un'alternativa più sostanziosa per chi ha bisogna di maggiori energie sin dal momento del risveglio: 30 grammi di riso integrale e 100 grammi di mela a pezzi cotti in 300 millilitri di acqua fino alla cottura del riso. A quel punto vanno frullati come una crema e serviti con poca cannella e scorza di limone o arancia grattugiata. Il buona sapore è garantito, ma nel caso di necessità è permesso un tocco di dolcificante.

I momenti cardine della giornata sono naturalmente quelli del pranzo e della cena. Lo schema della dieta del riso integrale prevede 50 grammi di riso integrale a scelta con 200 grammi di petto magro pollo o tacchino grigliati o al cartoccio con aromi. L'alternativa? Facile: 150 grammi di tonno al naturale o merluzzo. Non può mancare il contorno: un'insalata verde con un cucchiaino di olio e aceto di mele oppure spinaci crudi o rucola. E se la fame si fa dura, a metà mattinata o al pomeriggio 100 grammi di mela cotta o cruda e un bicchiere di acqua e succo di limone.

Ulteriori diete da scegliere in base alle proprie esigenze personali

Se fino ad oggi nel momento in cui si decideva di mettersi a dieta la prima parola da bandire dal proprio vocabolario era quella dei grassi, con l’intento di andare ad eliminare dalla propria alimentazione tutto ciò che fosse e contesse grassi, le nuove teorie sui regimi alimentari per perdere peso ma comunque garantire alla persona di rimanere in buona salute non puntano al totale abbandono dei grassi, sostenendo, al contrario, che anche il loro consumo sia importante per dimagrire. Perdere perso ed eliminare i grassi, dunque, mangiando grassi. Il loro ruolo, stando a quanto riportano le ultime notizie, sembra essere diventato se non fondamentale ma quanto meno importante in diete come:

  1. dieta nordica;
  2. dieta americana;
  3. dieta del supermetabolismo;
  4. dieta biomis.

Dieta nordica

Un ruolo privilegiato sembrano svolgere i grassi nella cosiddetta dieta nordica: si tratta di un regime alimentare che, come riportano le ultime notizie, prevede il consumo di alimenti ricchi di grassi che, secondo alcuni studi effettuati, sembrano garantire diversi benefici, soprattutto agli sportivi, aiutandoli a migliorare e potenziare resistenza e prestazioni. La dieta nordica privilegia soprattutto pesce, carne, cereali, latte e derivati, verdure a foglie scure, frutta, ma bandisce snack industriali e bevande zuccherate. L’alimentazione della dieta nordica si basa principalmente sul consumo di:

  1. proteine, carne e soprattutto pesce;
  2. verdure a foglia verde, che contengono antiossidanti;
  3. acidi grassi omega-3, elemento di cui il pesce nordico è particolarmente ricco.
  4. Inoltre, è bene precisare, non prevede alcun calcolo di calorie da consumare nell’arco della giornata e sembrerebbe garantire ottimi benefici soprattutto per cuore e cervello.

Dieta americana

La dieta americana, stando a recentissime analisi riportate dalle ultime notizie, permetterebbe di perdere tre chili in tre giorni senza fare grosse rinunce, comprese quelle relative ai grassi. Anzi, si tratta di una dieta che prevede l’eliminazione dei grassi attraverso il consumo dei grassi stessi ma punto di partenza di questa dieta deve essere quello di dimenticarsi del tutto di bevande gassate e dolci e bere, invece, moltissima acqua naturale. Il regime alimentare da seguire per i tre giorni di dieta, invece, prevede:

  1. primo giorno, colazione con mezzo succo di pompelmo, una fetta di pane tostato con un cucchiaio di burro d'arachidi; per pranzo, 125 gr di tonno al naturale, una fetta di pane tostato e n caffè senza zucchero; per cena, 90 gr di carne a piacere con 250 gr di fagiolini e 250 gr di barbabietole o carote, una mela e 125 gr di gelato alla vaniglia;
  2. secondo giorno, colazione con un uovo sodo, una fetta di pane tostato, mezza banana e caffè senza zucchero; per pranzo, 250 gr di formaggio a fiocchi o 125 gr di tonno al naturale con 5 cracker salati; per cena, 2 wurstel con 250 gr di broccoli e 125 gr di carote, mezza banana e 125 gr di gelato alla vaniglia;
  3. terzo giorno, colazione con un uovo sodo, una fetta di pane tostato e caffè senza zucchero; per pranzo, una fetta di formaggio con 5 cracker, una mela e un caffè senza zucchero; per cena, 250 gr di tonno al naturale con 125 gr di carote e 250 gr di fagiolini, una mela e 125 gr di gelato alla vaniglia.    

Dieta supermetabolismo

Anche nella dieta del supermetabolismo i grassi sembrano svolgere un ruolo primario nel percorso di perdita del peso. Secondo quanto spiegato da Hailey Pomroy, nota dietologa di Hollywood, è possibile dimagrire pur mangiando grassi, perché i grassi, quelli buoni, come per esempio quelli dell’olio, darebbero un’accelerata al metabolismo, contribuendo ad un dimagrimento in tempi più rapidi e permettendo a chi la segue di rimanere in forma. La dieta del supermetabolismo prevede cinque pasti al giorno: colazione, pranzo e cena, e due spuntini, e anche in questo caso non è previsto il calcolo delle calorie. La durata di questa dieta è di quattro settimane e privilegia cibi che riattivano il metabolismo, come:

  1. mele;
  2. ananas;
  3. avocado;
  4. avena;
  5. grano saraceno;
  6. pompelmo;
  7. lattuga;
  8. cannella;
  9. zenzero;
  10. semi di lino:
  11. alghe;
  12. aglio;
  13. curcuma;
  14. spinaci;
  15. salmone;
  16. cacao amaro.

Dieta biomis

Anche la dieta Bioimis prevede un regime alimentare che non punta sulla riduzione delle calorie ma piuttosto insegna a sfruttare le proprietà contenute nei diversi cibi e, se ben seguita, permette di dimagrire dai 4 ai dieci chili, prevedendo però l’eliminazione dei grassi. La dieta Bioimis è una dieta personalizzata, che potrebbe dunque essere seguita da tutti e:

  1. permette di far dimagrire mangiando con gusto;
  2. non prevede una riduzione delle calorie;
  3. non prevede l’eliminazione di alimenti;
  4. prevede condimenti seppur pochi;
  5. prevede il consumo di tre pasti al giorno, colazione, pranzo e a cena.

La dieta biomis si svolge in due fasi: la prima prevede l’eliminazione dei grassi in eccesso, una dieta, dunque, che non conta le calorie ma non prevede nemmeno il consumo di grassi come i precedenti regimi alimentari, per pulire l’organismo e al termine di questa fase il paziente dovrà aver raggiunto un peso forma standard che dovrà mantenere; la seconda fase, di mantenimento, prevede consumo di prodotti naturali, sono banditi zucchero e sale, snack, bibite gassate e cibo spazzatura. Per conoscere segreti e alimenti della dieta Bioimis basta registrarsi sul sito www.bioimis.com e si verrà contattati per fissare un appuntamento a casa propria con un consulente specializzato.




Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il