Nergi: benefici per tutti dal baby kiwi con poche calorie coltivato in Italia

Il Nergi è un frutto che si produce anche in Italia con molteplici effetti positivi e con poche calorie adatto quindi anche per le diete

Nergi: benefici per tutti dal baby kiwi

I benefici del Baby Kiwi, il Nergy un frutto davvero interessante


Mangiare frutta apporta benefici per la salute. Le ultime notizie in tal senso parlano delle proprietà miracolose del Nergi, il baby kiwi che sarebbe un concentrato di elementi positivi per la salute dell'uomo senza pesare nemmeno sulla linea visto che fornisce poche calorie.

Uno dei frutti e degli alimenti meno conosciuti ma che apporta tanti benefici per stare in forma e può essre usato anche nelle diete per il effetto di dare forza ed energia, ma poche calorie è il nergi o conosciuto da tutti come Baby Kiwi.

Da dove viene.

Viene, ormai, prodotto anche in Italia, in modo particolare in alcune regioni che si sono specializzate come il Piemonte, ma è originario dell'Asia dove nasceva in modo del tutto spontaneo e naturale.
Circa 30 anni, alcuni esperti australiani, hanno incrociato differenti tipologie di queste piante e hanno creato il nergi che conosciamo. Cosa è cambiato? le qualità sono rimate uguali, ma è più facile da conservare. Ora si può conservare fuori in casa per tre giorni una settima in frigor.

E' ora il momento migliore di poterlo mangiare e utilizzare nella propria alimentanzione o dieta in quanto viene matura a fine Settembre e ora si trova fresco tra la frutta del periodo con anche costi minori.

I Benefici

Come abbiamo detto, il Nergi o mini Kiwi ha tantissimi benefici, a partire dall'apporto di vitamine. Ad esempio ha più vitamina C persino dell'arancio. Ha poi vitamina e calcio, fosforo e magnesio. E poi pochissime calorie, poco più di 50 per 100 grammi mangiati.

Si può mangiare come ogni frutto così come è, e il gusto è buono, ma si può utilizzare per fare torte, con un tocco di cioccolato o come decorazione, da mangiare, per ogni piatto.
 







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il