Etichette alimentari: cosa e come leggere per alimenti scegliere italiani

Come scegliere i prodotti migliori durante la spesa leggendo al meglio le etichette alimentari: quello che c’è da sapere e consigli

Etichette alimentari: cosa e come legger

Etichette alimentari cosa leggere spesa alimenti


Numerosi prodotti non hanno ancora delle etichette conformi anche se la legislazione cerca diandare velocemente per difendere i prodotti fatti in Italia. Ecco come si possono riconoscere.

Quando si fa la spesa la prima cosa essenziale da fare dovrebbe essere quella di leggere per bene le etichette alimentari per la scelta dei prodotti migliori e per permetterci di orientarci al meglio nei supermercati. Saper leggere correttamente le etichette degli alimenti garantisce, infatti, una corretta informazione sulle reali caratteristiche del prodotto e sulla sua qualità anche in rapporto al prezzo di vendita.

Etichette alimentari: tipologie e cosa devono indicare

Le etichette sono diverse in base alla tipologia di prodotto:

  1. per i prodotti sfusi, senza alcuna confezione, le indicazioni sono riportate sul recipiente di vendita;
  2. per i prodotti preincartati, confezionati sul luogo di vendita al momento o poco prima dell'acquisto, come pane e carne fresca, le etichette devono riportare obbligatoriamente qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico che potrebbe provocare allergie o intolleranze;
  3. per i prodotti peconfezionati, venduti in confezioni già applicate dal produttore, le etichette apportate sono quelle più soggette a restrizioni normative.

Questi ultimi infatti devono riportare:

  1. denominazione di vendita;
  2. elenco degli ingredienti;
  3. termine minimo di conservazione o data di scadenza;
  4. nome, ragione sociale o marchio depositato;
  5. sede del fabbricante o del confezionatore o di un venditore residente nella UE;
  6. sede dello stabilimento;
  7. quantità netta o quantità nominale di produzione o confezionamento;
  8. titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande aventi un contenuto alcolico >1,2%;
  9. lotto di appartenenza;
  10. modalità di conservazione ed eventualmente utilizzo;
  11. quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti.

Dal prossimo mese di aprile 2018 entrerà in vigore in Italia il nuovo obbligo di indicare sull'etichetta dei prodotti alimentari la sede e l'indirizzo dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento per garantire, oltre ad una corretta e completa informazione al consumatore finale, una migliore ed immediata rintracciabilità degli alimenti da parte degli organi di controllo e una più efficace tutela della salute e sicurezza alimentare.

Etichette alimentari: consigli da seguire

Occorre fare attenzione ai diversi ingredienti elencati in etichetta e i diversi componenti dell’alimento vengono espressi secondo l’ordine quantitativo elencando per primo l’ingrediente presente in quantità maggiore, considerando, però, che lo si trova in diverse denominazioni, zucchero, fruttosio, sciroppo di glucosio, maltosio.

Leggere poi le tabelle nutrizionali e la suddivisione delle calorie che in alcuni casi vengono espresse in calorie per 100 grammi e in altri in calorie per porzione.

Per la carne, meglio evitare i prodotti ‘separati meccanicamente’, dicitura che indica che la carne contiene anche ossa e tutto quello che è possibile estrapolare dalle carcasse degli animali;

E, infine,  per gli alimenti integrali, è bene sapere che anche se ricchi di fibre che non hanno calorie e ci saziano permettendoci di mantenerci in linea, a volte non sono del tutto così perchè chicco di cereale intero, sminuzzato in farina, perde gran parte delle sue buone qualità durante il processo di raffinazione.

Come risparmiare 1000 euro facendo una spesa di qualità

Per quanto riguarda il risparmio, una recente classifica di Altroconsumo ha spiegato quali sono i supermercati più conveienti per fare la spesa e coem si possono risparmiare fino a 1000 euro al'anno che significa ua media di poco inferiore ai 100 euro al mese, puntando sempre, comunque, sulla qualità-prezzo migliore. Lo abbiamo visto nel dettaglio in questo articolo