Stress dopo le vacanze: sistemi per rientrare al meglio e prossimi week-end, feste, ponti

Ecco alcuni consigli e rimedi per affrontare al meglio il rientro nella vita di tutti i giorni. Nessuna paura: le prossime vacanze sono vicine.

Stress dopo le vacanze: sistemi per rien

Come superare lo stress da rientro vacanze


Ripartire con forze e slancio superando la non voglia, lo stress da rientro, il desiderio di ritornare in vacanza invece di stare chiusi in ufficio. Una serie di consigli e sistemi utili, partendo dalle prossime posisbilità di vacanza e non solo.

Scommettiamo che c'è già chi pensa al prossimo ponte per le vacanze? Già, perché rientrare dopo un periodo di sosta, breve o lungo che sia, può non essere semplicissimo. Soprattutto per chi è alla prese con attività routinarie, siano esse legate allo studio o al lavoro. In maniera quasi paradossale, c'è perfino chi parla di stress da rientro, quando invece dalle vacanze si dovrebbe tornare rigenerati, o quantomeno riposati. Tuttavia ci sono alcuni consigli che possono rivelarsi utili e strategici per limitare l'impatto ovvero non farsi trascinare dal cattivo umore e dalla malinconia. In fin dei conti, è bene ricordarlo, così come vanno via, le vacanze tornano (abbastanza) velocemente. A proposito, il prossimo ponte da segnare in agenda prima delle feste di Natale e di fine anno, è quello dell'8 dicembre (venerdì).

Come superare lo stress da rientro dalle vacanze

E allora, non dimentichiamo che non c'è vacanza che si rispetti senza rientro. Per quanto il periodo delle ferie sia uno dei momenti più attesi dell'anno, la ripresa dei ritmi quotidiani rappresenta un balzo nella realtà in grado di provocare, nel migliore dei casi, musi lunghi e scontentezza. Il passaggio da una situazione di completo non-stress a un'altra di potenziale completo stress non va sottovaluto. Quasi in maniera paradossale, il senso di stanchezza e di demotivazione è maggiore al rientro che nei giorni che precedono le agognate settimane di riposo. Da una parte gli esperti fanno risalire la cosiddetta sindrome da rientro in vacanze poco rilassanti.

Anziché prediligere comodi risvegli mattutini, pasti a orari equilibrati e serate nel segno della tranquillità, le abitudini più diffuse sono le cosiddette ore piccole, sfiancanti e quotidiane attività sportive e l'abbandono al divertimento a tutti i costi, tralasciando così la necessità di abbassare i ritmi. Il risultato, argomentano medici e psicologi, è di stancarsi oltre le naturali possibilità. Troppi strappi alle regole, anche dal punto di vista nutrizionale, possono causare scompensi da scontare nel resto dell'anno. E allora, il primo suggerimento è la cura dell'alimentazione al ritorno a casa: meglio privilegiare frutta e verdura e limitare, almeno per i primi giorni, grassi e carboidrati.

Altra consuetudine da cancellare, spiegano, è rimanere in vacanza fino al giorno prima della ripresa dell'attività lavorativa. Il consiglio è di anticipare il rientro che sarà così meno brusco e più graduale per il corpo e la mente. Gli psicologi, invece, si concentrano sull'aspetto emozionale e suggeriscono di mantenere vivi i ricordi positivi, prolungare l'effetto vacanza con frequenti uscite con amici e familiari e prevedere numerose pause nell'arco della giornata. E poi ci sono quattro consigli supplementari:

  1. cambiare look
  2. dormire e riposarsi il più possibile
  3. fare un progetto piacevole
  4. stare all'aria aperta

Non trascurare il benessere

Regalarsi una sessione di massaggi o un abbonamento alle terme può essere una buona idea per prolungare l'effetto vacanza. Gli stabilimenti sono sempre più presi d'assalto non solo da chi affianca alle cure tradizionali nuovi trattamenti di prevenzione, ma anche da chi cerca oasi di relax e di benessere dove riabilitarsi da un punto di vista fisico e rigenerarsi da quello mentale. Le stazioni termali italiane hanno una doppia marcia in più. Da un lato sono incastonate in alcune delle più suggestive località costiere. Alla vacanza alle terme si possono quindi abbinare lunghe passeggiate alla scoperta dei territori vicini. Dall'altro, lo standard medio degli stabilimenti è in crescita. Al relax si affianca di conseguenza un trattamento sempre più professionale ed efficace.

E gli studenti? Valgono le stesse regole anche se per i più giovani il passaggio dalla vacanza alla scuola non sempre si rivela così netto e potenzialmente traumatico. Maggiore attenzione deve essere prestata dalle casalinghe. In questo caso, lo sbalzo dei ritmi di vita, da frenetici a rallentati, può causare qualche squilibrio di troppo.