Prodotti per le pulizie tossici venduti supermercati e negozi. Quali sono e rischi salute

I consigli per mantenere una casa pulita e come scegliere i prodotti migliori e davvero ecologici: l’analisi su prodotti non green

Prodotti per le pulizie tossici venduti

Prodotti pulizie tossici venduti supermercati negozi rischi


Pulire casa è una buona abitudine che tutti dovrebbero avere per poter vivere nel migliore dei modi e assicurarsi una buona qualità della vita. Ma quali sono i consigli per fare le pulizie di casa? E quali sono i migliori prodotti per le pulizie da usare?

Pulizie di casa: consigli

Per tenere la casa pulita ci sono piccole accortezze molto efficaci che però ci fanno vivere bene nelle nostre mura domestiche, come togliersi le scarpe all’ingresso per evitare di portare in casa la sporcizia dalla strada, pulirsi le scarpe su tappeti lavabili posti ad ogni ingresso; sbattere spesso i tappeti all’aperto almeno un paio di volte alla settimana; asciugare la doccia e il lavandino dopo aver fatto la doccia o il bagno per evitare che si formi calcare o si depositi il grasso dei saponi usati; tenere puliti i lavandini.

Il consiglio è quello di utilizzate ogni mattina e ogni sera una spugna per togliere i residui di sapone, di dentifricio o make-up dal lavandino. Anche non lasciare piatti sporchi è un buon consiglio da seguire.

Prodotti per le pulizie tossici: i rischi per la salute

Sugli scaffali di supermercati e negozi sono in vendita prodotti per la pulizia della casa ma secondo un’analisi francese che ha confrontato diversi prodotti molti sono risultati tossici. Le etichette di alcuni prodotti per la pulizia riportano diciture come ‘ingredienti naturali’, ‘con oli essenziali’, ‘tocco di freschezza’ che ci convincono si tratti di prodotti naturali e rispettoso dell’ambiente. Ma se si leggono attentamente le etichette di questi prodotti, ciò che emerge è un’altra verità.

Secondo l’analisi francese condotta dalla rivista 60 Millions de Consommateurs su moltissimi prodotti per la pulizia della casa, infatti, alcuni tra quelli considerati più verdi non sono poi risultati così verdi e i 12 prodotti ‘verdi’ analizzati non sono risultati poi così green: nelle loro composizioni, infatti, sono state trovate sostanze nocive o tossiche in diversi livelli.

E stiamo parlando di prodotti per la pulizia della casa come quelli a marchio Cif, nel cui sgrassatore con estratti di limone presenta allergeni (limonene e geraniolo) e conservanti irritanti per la pelle e dannosi per l'ambiente; quelli a marchio Ajax, il cui detergente ai fiori ha una fragranza che si sospetta sia un interferente endocrino e un disinfettante che può causare ustioni ed è tossico per l’ambiente.

Nel mirino anche il detergente multiuso St Marc che vanta una composizione naturale ma dove il bicarbonato è solo in sedicesima posizione all’interno della composizione.

Per scegliere, dunque, al meglio un prodotto per la pulizia della casa il consiglio è quello di imparare a leggere le etichette cercando di capire quali sono i prodotti per la pulizia davvero ecologici.

Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il