Ciclo mestruale, non compreso dai maschi. E i vantaggi nell'avere rapporti

La situazione è sempre soggettiva, ma ci sono alcune piccole abitudini ovvero semplici rimedi per ricevere sollievo. E non è affatto detto che occorra passare dagli antidolorifici.

Ciclo mestruale, non compreso dai maschi

Cos'è il ciclo mestruale femminile


Il ciclo mestruale femminile non viene capito dagli uomini sotto vari aspetti e vi sono degli elementi che rimangono poco conosciuti e quasi nascosti.

Non è affatto semplice spiegare a un uomo cos'è un ciclo mestruale femminile. Per la semplice ragione che non potranno mai provare questa sensazione. Crampi addominali, fame nervosa, irritabilità, mal di testa, sbalzi d'umore e stanchezza sono gli effetti più evidenti. E non si tratta mai di una esagerazione. Comunque sia, l'esperienza del ciclo può essere dolorosa, anche fino allo svenimento. La situazione è sempre soggettiva, ma ci sono alcune piccole abitudini ovvero semplici rimedi per ricevere sollievo. E non è affatto detto che occorra passare dagli antidolorifici. Certo, fa passare il fastidio, ma il rischio dipendenza è dietro l'angolo.

Meglio concedersi un po' di attività fisica perché lo sport rilassa la muscolatura e aiuta la circolazione. Ma se le forze per uscire non sono sufficienti, una bevanda calda aiuta la vasodilatazione e migliora la circolazione uterina. E se non ci si riesce ad alzare neanche dal letto, una borsa dell'acqua calda sulla pancia è utile per alleviare i crampi. Semaforo rosso per la caffeina nei giorni del ciclo: l'eccitazione aumenta le contrazioni uterine e di conseguenza anche i dolori. Sì invece all'integrazione con il magnesio e perfino alla pillola anticoncezionale perché aiuta a regolarizzare il flusso mestruale.

Farlo durante il ciclo? Ecco perché è meglio

A proposito di rapporti durante il ciclo, il pensiero comune è che si tratti di qualcosa da evitare perché poco igienico o, semplicemente, poco conveniente. In realtà le cose non stanno proprio così e, anzi, proprio questo è un momento che può regalare inaspettate sorprese. Soprattutto per chi è alle prese con un ciclo doloroso ovvero con i cosiddetti crampi uterini, avere rapporti con il proprio partner fino al raggiungimento del massimo piacere ha una funzione calmante grazie al rilascio di dopamina e ossitocina. C'è poi un altro luogo comune da sfatare: non è affatto detto che le mestruazioni non si interrompono in anticipo o si bloccano, ma possono essere caratterizzate da un flusso più abbondante e meno duraturo. E poi, il livello di piacere raggiunto può raggiungere picchi più alti. Una precisazione: non è affatto detto che sia necessario avere un rapporto completo per raggiungere l'orgasmo per cui chiudere le porte in maniera completa potrebbe non essere proprio la mossa giusta.

Ma cos'è il ciclo mestruale femminile

C'è poi chi, come la Clinica Asisa Care di Milano, ha fornito una spiegazione medico-scientifica dei dolori mestruali, considerati una lieve sintomatologia di dolori a livello pelvico, normali durante i primi giorni del ciclo. Spesso si attenuano nell'arco di 24 ore e si devono ad alterazioni infiammatorie fisiologiche a livello uterino, decorrenti dalle variazioni di estrogeno e progesterone. Se però questa sintomatologia persiste per più giorni, interessando altre parti del corpo e intensificandosi fino a richiedere la necessità di antidolorifici, si può essere in presenza di altre problematiche, come ad esempio endometriosi, fibromatosi uterina, varici pelviche, aderenze a livello pelvico, cisti ovariche. In questi casi, è consigliata la visita da uno specialista. Alcune donne, poi, accusano durante i primi giorni di mestruazioni dolore a livello renale, lombare e agli arti inferiori o cefalea.