Sesso, quando e come si può migliorare in ogni fase della vita

Con l'età le donne sanno quello che vogliono e e non hanno paura di chiederlo mentre gli uomini sono meno insicuri, impulsivi e inesperti.

Sesso, quando e come si può migliorare i

Perché dopo i 30 anni è meglio


Quando si parla di rapporti vale la regola del vino: più invecchia più diventa buono. Resta solo da capire se la similitudine ha valore quando c'è di mezzo lo stesso partner. Ma questa è un'altra storia. Gli studi più recenti vanno tutti nella stessa direzione: dopo il 30 anni è più bello perché si acquisce consapevolezza e si perde disinibizione. In poche parole, è più divertente. Non si tratta affatto di una leggenda popolare: le donne mature sono le più soddisfatte a letto. Molto semplicemente, con l'esperienza i rapporti diventano più intensi e legati a emozioni profonde e meno superficiali. Sanno quello che vogliono e e non hanno paura di chiederlo. Rassicurazioni arrivano anche da una recente ricerca del sito IllicitEncounters.com: secondo il 37% delle donne e il 34% degli uomini di cittadinanza britannica, l'età giusta è intorno ai 40 anni.

Perché dopo i 30 anni è meglio

C'è allora la scienza a dimostrare come farlo dopo i 30 anni permette di raggiungere un grado di soddisfazione maggiore. C'è ad esempio l'indagine realizzata da OkCupid con una serie di interviste mirate, secondo cui il 40% delle ventenni ha difficoltà a raggiungere il massimo piacere. Ma se l'età raddoppia, la percentuale si dimezza. Le ragioni di questa differenza così evidente? Facile a dirsi: intorno ai 20 anni le donne non conoscono fino in fondo il proprio corpo e attraversano ancora una fase di prova. Solo dopo aver varcato la fatidica soglia dei 30 anni acquisisce sicurezza e riesce a capire meglio cosa piace e cosa non piace. A beneficiarne è la coppia, uomo incluso, perché i rapporti diventano più soddisfacenti e anche più spinti. Perché poi ci sono sempre mille nuove cose da scoprire. E a una certa età scompare la paura di chiedere al partner quello che si vuole e come lo si vuole.

Proprio questo è uno degli aspetti chiave di cui tenere conto. Dopo i 30 anni viene meno un po' di timidezza e le donne sono così disposte a osare ovvero a sperimentare nuove posizioni. In buona sostanza, a lasciarsi andare con più facilità. Sono spesso i blocchi mentali a impedire di andare oltre, ma è spesso solo una questione di età. Insomma, a 20 anni se ne fa tanto, ma solo dopo si inizia ad apprezzarlo sul serio. Ma c'è anche una ragione pratica: da adulti è più facile avere occasioni per farlo con calma, non in situazioni precarie e in rifugi di fortuna.

Vale anche per l'uomo o solo per le donne?

A proposito, e l'uomo? Vale anche per lui la stessa regola perché intorno ai 20 anni sono insicuri, impulsivi e inesperti con una perenne ansia da prestazione. Dopodiché inizia a maturare anche sotto le lenzuola e a capire che i rapporti sono anche altro rispetto al semplice atto, qualunque sia la durata. Riesce infatti a controllarsi con più consapevolezza per soddisfare la partner. Non a caso c'è chi è pronto a giurare che siano le coppie sposate o in una relazione stabile a essere le più appagate perché ci si conosce a fondo e ci si lascia andare con meno difficoltà, più leggerezza e divertimento.







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il