Sgravi fiscali per chi vuol dimagrire. Ecco quanto si può risparmiare su tasse

La prima opzione in pista è l'erogazione di buoni veri e propri a favore degli obesi che perdono progressivamente peso. Ma non è la sola allo studio.

Sgravi fiscali per chi vuol dimagrire. E

Dimagrire e ottenere sgravi fiscali, come funziona


Se gli appelli a mantenersi in forma per ragioni di salute non bastano, ecco che il governo prova a giocare la carta degli sgravi fiscali per convincere i cittadini. Tutti i dettagli dovrebbe essere inseriti nella legge di Bilancio di fine anno e dunque diventare operative già dal prossimo anno. Ma le prime ipotesi sulla forma che potrebbero assumere gli sgravi fiscali per rimettersi in forma iniziano a circolare.

A fronte di questa spesa, lo Stato finirebbe per risparmiare sulla spesa sanitaria, così come vedremo a breve. Per intenderci, l'attività fisica aiuta alla prevenzione di numerose patologie come l'ipertensione arteriosa e l'usura delle articolazioni per chi è in sovrappeso.

Dimagrire e ottenere sgravi fiscali, come funziona

La prima opzione in pista è l'erogazione di buoni veri e propri a favore degli obesi che perdono progressivamente peso. La seconda è di concedere agevolazioni per accedere agli impianti sportivi comunali, o in assenza, a quelli privati. Verrebbero inclusi tutti senza troppe distinzioni, dagli stadi alle piscine, compatibili con un'attività fisica aerobica brucia calorie e porta alla perdere di peso.

In fin dei conti alcuni numeri parlano con molta chiarezza: oltre 23 milioni di adulti e 1,7 milioni di minorenni sono in sovrappeso o obesi. Detto in un altro modo per il Sistema sanitario nazionale si tratta di dover affrontata una spesa calcolata tra i 5 e i 10 miliardi di euro. Dopo il fumo è proprio questa la seconda casa di tumori, collegata a 13 tipi di neoplasie, tra cui esofago, pancreas e stomaco, pancreas. E laddove non i numeri non sono sufficienti per inquadrare la situazione, le cronache di tutti i giorni riferiscono di casi di isolamento e di disagio senza troppe differenze tra età e classi sociali.

Altri progetti per chi vuole dimagrire

Come spiegato dal ministro della Salute Giulia Grillo, l'obesità è una patologia, e su questo non devono esserci dubbi. Da qui la decisione de dicastero di inserire l'obesità all'interno del Piano nazionale prevenzione, da declinare nei piani regionali. E oltre alle strategie previste, come gli sgravi fiscali per chi vuole dimagrire e il protocollo firmato con il Miur per sensibilizzare gli studenti, un altro tema allo studio è il rilancio dell'attività fisica attraverso attività di promozione e incentivazione per le fasce più fragili della popolazione.

Si tratta di incentivi per la frequenza di impianti sportivi rivolti a chi intraprende un percorso di perdita di peso, naturalmente seguito dal Servizio sanitario regionale.