Taglieri più sporchi e con batteri di tavoletta WC. Come lavarli e pulire davvero

Attenzione ai germi: la carne cruda, in particolare il pollo, può lasciare tracce di salmonella e campylobacter che causano intossicazione alimentare.

Taglieri più sporchi e con batteri di ta

Taglieri più sporchi della tavoletta WC

Brutta sorpresa per le mamme e le nonne, ma anche per tutte le persone che amano cucinare in casa: uno degli utensili più utilizzato tutti i giorni ospita germi potenzialmente letali che potrebbero causare intossicazioni alimentari batteriche. Si tratta del tagliere dove sono affettati salumi, formaggi e verdure. A voler essere più precisi, una recentissima ricerca del 2019 ha rivelato che è fino a 200 volte più sporco di un sedile del water con un numero medio di batteri enorme.

E nonostante le migliori intenzioni e i lavaggi dopo ogni utilizzo, nessuno può dirsi al sicuro dai germi, a meno di adottare le necessarie e accurate precauzioni che analizzeremo a breve. Ed è proprio la scarsa igiene in cucina a portare a una serie di malattie causate da salmonella, escherichia coli e campylobacter, la causa più comune di malattie batteriche di origine alimentare. Causano una serie di spiacevoli effetti collaterali tra cui vomito, crampi allo stomaco e diarrea.

Taglieri più sporchi della tavoletta WC

La ricerca shock commissionata dalla catena britannica Sainsbury's Home rivela che i taglieri non igienici possono facilmente ospitare questi germi, soprattutto per chi li possiede da molto tempo. Secondo Lisa Ackerley, esperta di sicurezza alimentare, ci sono alcuni errori comuni, tra cui il lavaggio in modo scorretto o la conservazione di questo prodotto per troppo tempo a peggiorare la situazione. A suo dire, i taglieri sono una fonte pericolosa di contaminazione se non vengono puliti, usati correttamente e sostituiti a causa dell'usura.

Un sondaggio condotto su oltre 2.000 persone nel Regno Unito ha rilevato che il 40% delle persone sta mettendo a rischio la propria salute utilizzando lo stesso tagliere per carne e verdure. La carne cruda, in particolare il pollo, può lasciare tracce di salmonella e campylobacter che causano intossicazione alimentare. Questi germi possono evidentemente contaminare qualsiasi alimento preparato sullo stesso tagliere.

Come lavare i taglieri e pulirli davvero

La prima cosa da fare per pulire davvero un tagliere è un divieto: non usare un panno per pulirlo. Sarebbe una cosa sbagliata pensare di farlo in questo modo e ci sono studi che dimostrato come il panno da cucina sia spesso la cosa più sporca della casa. Questa regola vale soprattutto nel caso di preparazione di carne cruda, pollame o verdure perché i batteri di questi alimenti possono contaminare il panno e quindi essere diffusi in tutta le superfici della cucina. Ecco dunque che la lavastoviglie è strategica perché disinfetta con il calore.

Meglio ancora se si usa un detergente antibatterico facilmente reperibile e sicuro per gli alimenti. In realtà sarebbe meglio utilizzare taglieri diversi in base al cibo, tra quello crudo e quello pronto per il consumo. Il modo più semplice per evitare confusione e confonderli è contrassegnarli per l'utilizzo a cui sono destinati. E se il tagliere sembra vecchio e graffiato, meglio sostituirlo. I batteri pericolosi e il cibo si nascondono nelle crepe e nelle fessure e non vengono fuori neanche con il lavaggio.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il