Tumori: test su uomo della penna nel 2018 che li trova in 10 secondi. Scoprire prima possibile

Una nuova penna diagnostica tumori in appena 10 secondi: come funziona e test sull’uomo dal prossimo 2018

Tumori: test su uomo della penna nel 201

Tumori scoperti poco tempo Test uomo penna


Cura e prevenzione dei tumori sempre più all’attenzione di esperti e scienziati: migliora, da una parte, la qualità delle vita nel mondo, ma, dall’altra, crescono e si diffondono sempre più malattie che fino a qualche anno erano decisamente più rare, come i tumori che decenni fa creavano tanto clamore ma che oggi sono all’ordine del giorno, sfasamento delle cellule che ormai colpiscono chiunque, grandi e più piccini, e in qualsiasi parte del corpo. Per evitare che degenerino, fino a tragiche conclusioni, il consiglio  sempre quello di fare prevenzione in maniera regolare. A dare una mano all’uomo, la scienza e l’evoluzione tecnologica.

Dopo le ultime notizie sul nuovissimo super computer, sviluppato da Ibm, battezzato Watson, capace di diagnosticare un tumore in appena dieci minuti, suggerendo, contestualmente, la cura più adatta per il paziente, le ultime e ultimissime notizie parlano di un ulteriore sistema di diagnostica precoce dei tumori, permettendo così ad eventuali pazienti di scoprirli il prima possibile. Si tratta di una penna innovativa che riesce a trovare  tumori in appena 10 secondi. Ancora meno, dunque, dei dieci minuti che ci impiega il supercomputer Watson.

Come funzione l’innovativa penna diagnostica tumori

Il nuovo dispositivo a forma di penna, sviluppato dagli scienziati dell'Università del Texas, è in grado di identificare il tessuto canceroso in appena 10 secondi. La penna, battezzata MasSpec, analizza il metabolismo delle cellule tumorali, nei loro processi di crescita e diffusione nel tessuto sano. Il chirurgo che usa la super penna scova tumori tocca con la stessa penna un sospetto tumore che rilascerà una piccola gocciolina d'acqua. Le sostanze chimiche all'interno delle cellule viventi si muovono nella gocciolina, che sarò analizzata dalla penna. La penna è collegata con uno spettrometro capace di esaminare migliaia di sostanze chimiche al secondo, riuscendo a segnalare l'eventuale presenza di cellule cancerose, senza asportare tessuto, che in alcuni organi, come il cervello, potrebbe creare seri problemi.

Questa nuova penna è stata testata al momento su 253 campioni e il programma è ora in fase di perfezionamento Stando a quanto riportano le ultime notizie, i primi test sull'uomo saranno effettuati a partire dal prossimo 2018 e se i risultati dovessero essere soddisfacenti significherà aver fatto un passo decisamente cruciale nella prevenzione e cura dei tumori, andando oltre tutti quegli attuali sistemi di diagnostica decisamente invasivi e dolorosi.

Come funziona Watson e affidabilità

Tornando, invece, al supercomputer Watson, questo innovativo dispositivo sottopone i tessuti a un sequenziamento genetico tradizionale, alla ricerca di tutte le mutazioni genetiche legate al cancro, e offre una mappatura globale del Dna analizzando al tempo stesso anche l’Rna. La precisione di Watson dipende dal fatto che si tratta di un dispositivo capace di analizzare il genoma umano in maniera perfetta e, appena terminata la diagnosi, consiglia al paziente le cure necessarie. Il nuovo supercomputer che in soli dieci minuti è in grado di diagnosticare tumori, fornendo al paziente relative cure che si potrebbero seguire sostituirà del tutto ruolo, competenze ed esperienza dei medici ma collaborerà con gli stessi medici per migliorare il trattamento dei pazienti.