Vaccinazioni obbligatorie: autocertificazione sufficiente per iscrizioni. Spiegazioni ufficiali da Ministero Salute

La richiesta di vaccinazione potrà essere effettuata telefonicamente purché la telefonata sia riscontrata con un appuntamento fissato attraverso una mail all’indirizzo PEC dell'Asl di appartenenza

Vaccinazioni obbligatorie: autocertifica

Cosa succede per i vaccini obbligatori nelle scuole dopo la circolare del Ministero della Salute


Per richiedere la vaccinazione per i propri figli basterà una telefonata, una mail alla Asl di riferimento o una raccomandata con avviso di ricevimento. Lo ha stabilito una circolare congiunta Miur-Salute con le disposizioni per l'anno scolastico che sta per iniziare per aiutare scuola e famiglie a districarsi nella legge sull'obbligatorietà dei vaccini. 

Il provvedimento che ha reso i vaccini obbligatori per alunni e scolari delle scuole dell’obbligo ha preso in contropiede famiglie che non erano pronte. Per iscrivere i propri figli a scuola basterà, almeno per l’anno scolastico 2017/2018 un’autocertificazione. Questo documento è sufficiente dopo la Circolare partita dal Ministero della Salute in questi ultimi giorni nella quale il Ministro Beatrice Lorenzin spiega cosa fare per evitare ogni tipo di problema. Questo, in sostanza, è il succo della Circolare emanata in questi giorni che serve a fare un po’ di chiarezza su un argomento che stava rendendo ancora più esacerbati gli animi delle opposte fazioni che, come ormai è abitudine, si formano in Italia quando si tratta di temi così delicati.

Questo significa che basterà inviare anche una semplice mail o una raccomandata alla Asl, da presentare a scuola, per dimostrare la volontà di vaccinare i propri figli. La richiesta di vaccinazione potrà essere effettuata anche telefonicamente, quindi purché la telefonata sia riscontrata positivamente, con un appuntamento fissato, inviando una mail all’indirizzo di posta elettronica ordinaria o certificata di una delle Asl della regione di appartenenza o inoltrando una raccomandata con avviso di ricevimento. La disposizione vale solo per quest’anno scolastico, dal prossimo si potrà presentare solo copia della formale richiesta di vaccinazione.

Vaccini obbligatori circolare del Ministero spiega cosa fare

Quella dei vaccini obbligatori è stata una grana che ha suscitato grandi polemiche e divisioni nella società italiana. No vax, proteste di piazza e sotto i palazzi del potere. Insomma le cronache dei mesi scorsi sono piene di scontri tra fazioni opposte che non hanno mai nascosto di odiarsi e nemmeno poco. “Servi dei poteri economici” si sentiva accusare da un lato. “Siete contro la scienza” rispondevano quelli che sostenevano le vaccinazioni obbligatorie. In uno scontro tra sordi che ha rischiato più volte di tracimare. Forse questo tema non è stato gestito nel migliore dei modi dai vertici dello Stato.

Così è dovuta partire una circolare del Ministero che spiega cosa fare per quel che riguarda l’iscrizione dei propri figli a scuola. Su questo aspetto ha regnato fino ad oggi si può dire una mancanza di chiarezza che in qualche caso, ha esacerbato animi già piuttosto surriscaldati. Come non ricordare, d’altra parte questo è il nocciolo della questione, le polemiche tra vaccinisti ed antivaccinisti scoppiate nei mesi scorsi e mai totalmente sopite. Non ci saranno proroghe a decorrere dal dodici settembre, non potranno accedere ai servizi educativi per l’infanzia e alle scuole dell’infanzia i minori i cui genitori/tutori/affidatari non l’abbiano presentata entro i termini», si legge.

Nelle scuole dove le lezioni partiranno dopo l’undici settembre, il termine per la presentazione dei documenti coincide con la data di avvio delle lezioni stesse. In caso di autocertificazione, è confermato che la documentazione originale dovrà essere consegnata entro il dieci marzo 2018. In caso contrario il minore non potrà più accedere ai servizi. La circolare precisa comunque che, in caso di inadempienza, il minore escluso dall’accesso ai servizi rimarrà iscritto al nido o scuola materna e sarà riammesso ai servizi dopo la presentazione della documentazione richiesta.

Autocertificazione è sufficiente vaccini obbligatori

Appurato che anche l’autocertificazione è sufficiente per non avere problemi riguardo l’iscrizione a scuola a causa dei vaccini obbligatori. Quel che emerge in maniera inequivocabile quindi dalla lettura della circolare è che, solo per l’anno scolastico che sta per iniziare, è sufficiente inviare anche l’autocertificazione, via telefono, via mail o informato cartaceo alla scuola di appartenenza per assicurare l’avvenuta vaccinazione. Un’altra novità è che da oggi le scuole e i servizi educativi per l’infanzia potranno trasmettere gli elenchi degli iscritti alle Asl per consentire la verifica della regolarità vaccinale.