Adsl o fibra le differenze. Vantaggi e svantaggi per scegliere la più adatta

di Chiara Compagnucci pubblicato il

L'esperienza d'uso può insomma cambiare radicalmente in base alla scelta. La qualità si paga e le tariffe della fibra sono più costose rispetto a quelle di un contratto Adsl.

Adsl o fibra le differenze. Vantaggi e s

Vantaggi e svantaggi, fibra e Adsl

Il livello di tecnologia alla portata di tutti è diventato tale che è ormai legittimo porsi la domanda se sia più conveniente l'Adsl o la fibra per navigare sul web. Seppure siano due soluzioni disponibili e accessibili in gran parte del Paese, le differenze sono evidenti in termini di caratteristiche e di prestazioni sia in download e sia in upload e sia nei tempi di risposta. L'esperienza d'uso può insomma cambiare radicalmente in base alla scelta. La qualità si paga e le tariffe della fibra sono più costose rispetto a quelle di un contratto Adsl. Questo è forse il discrimine maggiore che fa pendere il piatto della bilancia da una parte o dall'altra.

Vantaggi e svantaggi, fibra e Adsl

In linea di massima, la fibra si fa preferire per le perfomance, ma non per i prezzi. Sotto il primo punto di vista, la velocità media di download varia da 100 MB al secondo a 1 GB al secondo; la velocità media di upload varia da 1 a 200 MB al secondo; i tempi di latenza sono molto bassi e dunque si rivela strategica nel caso dello streaming simultaneo da più dispositivi o del gaming online. L'impegno di spesa mediamente necessario è di almeno 25 euro al mese. Da parte sua, l'Adsl esibisce una velocità media di download intorno ai 7 MB al secondo, una velocità media di upload tra 500 kbit al secondo e 1 MB al secondo, ha tempi di latenza più elevati e può essere soggetta a rallentamenti per distanza dal modem o dalla centrale o dal numero di connessioni in simultanea. Il risparmio rispetto alla fibra è di circa 5-10 euro al mese.

Differenze Adsl e fibra

Per quanto riguarda le proposte sul mercato, la sigla FTTH (Fiber-to-the-home) indica i nuovi collegamenti in fibra ottica che raggiungono le singole unità abitative, portando quindi il cavo nella borchia telefonica che troviamo negli appartamenti. Rappresenta una soluzione più costosa rispetto a quelle ibride ma garantisce la massima velocità di trasmissione. Il collegamento FTTC (Fiber-to-the-cabinet) arriva in una cabina esterna secondaria dell'operatore molto più vicina alle case degli utenti. Il collegamento dal cosiddetto armadio fino a casa dell'utente avviene con il doppino telefonico in rame. FTTN (Fiber-to-the-node) è invece l'acronimo di fibra fino al nodo indica la tipologia di collegamento in fibra meno sofisticato.

Il collegamento in fibra ottica arriva in una cabina esterna dell'operatore che di solito dista parecchi chilometri dalla casa dell'utente finale mentre il collegamento finale rimane su vecchio doppino telefonico di rame. Infine, con la soluzione FTTB (Fiber-to-the-building) il collegamento in fibra ottica raggiunge la cassetta telefonica del condominio o delle singole abitazioni. Il collegamento finale con l'appartamento continua ad essere sul filo di rame, ma sempre più spesso avviene con nuovi cablaggi in fibre ottiche e cavi Ethernet.

Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":