Dal nuovo concorde fino ai taxi volanti: i nuovi aerei, ne servono subito 43mila

In questo contesto di investimenti senza fine, lo sguardo dei produttori è puntato anche verso lo spazio da far conquistare alle grandi masse nell'arco di poco tempo.

Dal nuovo concorde fino ai taxi volanti:

Il rapporto di The Boeing Company


Le previsioni sono di Boeing e mettono piuttosto in allarme. Stando infatti alla ben nota società di costruzioni di velivoli, occorrono 43.000 aerei a stretto giro che, detto in un altro modo, significa provvedere a un impegno di spesa di 6.300 miliardi di dollari. I dati aggiornati raccontano come in questo momento ci sano oltre 900 aerei con più di 25 primavere alle spalle. Ed entro metà del 2020, oltre 500 aerei all'anno raggiungeranno i 25 anni di età. Non solo, ma la novità rispetto al passato è il trend dei grandi costruttori a spostare sempre più in alto l'asticella dell'innovazione, andando ben oltre alla semplice sostituzione degli aerei più datati, in quella che può essere definita la corsa per la conquista dei cieli di tutto il mondo.

Il rapporto di The Boeing Company tra jet supersonici e concorde

Succede allora che la stessa Boeing torna a parlare di jet supersonici mentre Airbus, ancora più in linea con le moderne tecnologie viste su strada (anche se con risultati tutti da rivedere), punta a un modello senza pilota. E in questo contesto di investimenti senza fine in cui nessun Paese sembra volersi tirare indietro dal recitare una parte, piccola o grande che sia, lo sguardo dei produttori è puntato anche verso lo spazio. Non si tratta più di una distanza così irraggiungibile, ma di un obiettivi da far conquistare alle grandi masse nell'arco di poco tempo.

Tutte le informazioni sono contenute nel rapporto presentato al Farnborough International Airshow, in cui si legge che per la prima volta dopo anni stiamo assistendo alla crescita delle economie in ogni regione del mondo. Questa tendenza fa sì che il mondo sia un po' meno diviso rispetto al passato e quasi tutti guardano nella stessa direzione.

Crescita in Cina, India, Europa e Nord America

Secondo la Iata, l'associazione internazionale per il trasporto aereo, da qui al 2036 viaggeranno in aereo 7,8 miliardi di passeggeri ovvero la totalità della popolazione sulla Terra. Come spiegato da Randy Tinseth, vice president of Commercial Marketing di The Boeing Company, per la prima volta dopo anni stiamo assistendo alla crescita delle economie in ogni regione del mondo. Tale crescita sincronizzata sta fornendo più stimoli al trasporto aereo globale. Vediamo solidi trend nel traffico non solo nei mercati emergenti di Cina e India, ma anche nei mercati maturi, in Europa e Nord America. A suo dire, insieme alla continua espansione del traffico, i dati mostrano un ampia tendenza al pensionamento degli aerei datati dalla flotta mondiale.

Ultime Notizie