Francia, da novembre stop al telefono fisso, si passa al VoIP

Resta l'interrogativo sulle mosse degli altri Paesi, a iniziare dall'Italia, che ha già accolto parte dei cambiamenti epocali in ambito telefonico.

Francia, da novembre stop al telefono fi

Stop alle offerte solo telefono


L'addio al telefono fisso riguarda il vero e proprio apparecchio fisico, quello che fa la sua presenza nelle case da anni e anni. Che sia cordless o meno cambia poco, presto diventerà un ricordo ovvero un oggetto per collezionisti di roba del passato. A dare il via a questo inevitabile passaggio storico è la Francia che ha decretato l'addio agli apparecchi fisici. In buona sostanza resteranno vivi solo quelli connessi a box e smartbox di Internet. Con buonapace di quei benti milioni di francesi nei piccoli centri e nelle campagne che hanno il numero fisso all'antica e che del web non sanno proprio cosa farsene.

Stop alle offerte solo telefono

Accennavamo all'inevitabilità di questo passaggio perché la notizia dell'addio al telefono fisso non coglie di certo alla sprovvista. L'operatore Orange aveva infatti preannunciato come gli abbonamenti sarebbero passati dall'indispensabilità di una connessione web. Una forzatura secondo alcuni (secondo il giurista Olivier Gayraud a essere coinvolta in questa operazione è gente poco abituata alle nuove tecnologie, come gli anziani, che si ritroveranno senza telefono, proprio come si sono ritrovati senza televisione al momento del passaggio al digitale terrestre. Da qui la richiesta di vigilare per non lasciare per strada nessuno), ma un modo per collocare sui binari della modernità quella parte della Francia poco tecnologica.

E che dire di quella parte del Paese che si riconosce nelle parole di Bernard Dupré, presidente dell'Associazione francese utenti delle telecomunicazioni, secondo cui garantire la connessione a un sacco di gente è l'occasione per dare loro anche Internet a banda larga a prezzi bassi. In ogni caso c'è già la data in cui i telefoni fissi saranno dichiarati fuori legge: l'anno è il 2023.

Resta l'interrogativo sulle mosse degli altri Paesi, a iniziare dall'Italia, che ha già accolto parte dei cambiamenti epocali ricordati in queste ore dai vicini francesi: prima la scomparsa delle ultime centraliniste, quindi il passaggio dal telefono a disco a quello a tastiera, poi l'addio alle ultime cabine telefoniche e infine l'abolizione del telegramma.