Intelligenza artificiale, sempre più protagonista. Occupazione e ricavi in crescita

Per IDC il mercato della trasformazione digitale arriverà a 2.200 miliardi di dollari entro due anni, trainato da intelligenza artificiale e tecnologie cognitive.

Intelligenza artificiale, sempre più pro

Trasformazione digitale: intelligenza artificiale e cloud


Capire quali saranno i trend dei prossimi due anni significa riuscire a entrare nel cuore dei problemi e delle opportunità della trasformazione digitali in corso. Anche perché il livello di coinvolgimento è pressoché totale, dalle imprese alla pubblica amministrazione, dai semplici cittadini ai professionisti, e in comparti di estrema importanza. Banche e sanità, domotica e trasporti, energia e intrattenimento sono solo alcuni dei settori investiti in pieno dalla cosiddetta digital transformation, per utilizzare l'espressione internazionale. Ebbene, adesso c'è un interessante e recente studio di IDC (International Data Corporation) che individua i binari lungo i quali si muoverà la trasformazione digitale tra il 2018 e il 2020: l'intelligenza artificiale e il cloud computing.

Trasformazione digitale: il giro d'affari

Ebbene, i numeri che circolano sono certamente di primo piano e non lasciano indifferenti. Per IDC il mercato delle soluzioni per la trasformazione digitale potrebbe sfondare il tetto 2.200 miliardi di dollari entro due anni, trainato dall'utilizzo dell'intelligenza artificiale e delle tecnologie cognitive. Per quanto riguarda il cloud, le imprese europee arriverebbero a investire circa 100 miliardi di dollari nel 2021. E a proposito della nuvola digitale il valore entro quattro anni raggiungerà 554 miliardi di dollari ovvero il doppio di quello del 2016. A chiudere il cerchio delle costante trasformazione digitale ci sarà il ricorso di metà delle imprese - stima ancora International Data Corporation - a progetti di realtà virtuale e realtà aumentata.

Gli imperativi della trasformazione digitale

Come è stato evidenziato in occasione del ciclo 2017 di Innovators Circle ovvero gli incontri promossi da SAP e Intel in collaborazione con IDC che hanno riunito CIO, CDO e Innovation manager delle più importanti aziende italiane in un confronto sui temi della trasformazione digitale, la principale sfida della trasformazione digitale è la traduzione di ciò che avviene nella vita reale sin logica real-time nei processi aziendali. Premessa di base è il coinvolgimento dell'intera organizzazione. Questi aspetti fondamentali sono emersi anche nella web survey di IDC. Quattro sono allora gli odierni imperativi della trasformazione digitale

  1. Il data management come asset strategico
  2. DX progressiva versus DX disruptive
  3. Nuovi ecosistemi
  4. Digital leadership coordinata

Insomma, la trasformazione dei processi esistenti e la creazione di nuovi sono legate alla capacità aziendale di gestire, analizzare e valorizzare i dati. Può avvenire mettendo il dato al centro dei modelli aziendali e rinnovando l'architettura IT ovvero investendo su piattaforme unificate data-driven e puntando su nuove competenze digitali come la real-time data analytics. Come messo in luce da Fabio Rizzotto, head of local research and consulting di IDC Italia, dal tenore dei messaggi e dei punti di vista forniti dalle aziende italiane nel corso del 2017, si nota un linguaggio più strategico e la consapevolezza della portata della trasformazione, dove alla complessità si accosta la volontà di interrogarsi su nuove direzioni del business model aziendale.