Modem libero, quando e come si potrà scegliere. Vantaggi e risparmi. Lo spiega AVM

Secondo AVM sono almeno sei i vantaggi che derivano dal passaggio al modem libero, a iniziare da quello più evidente ovvero la libera scelta del terminale.

Modem libero, quando e come si potrà sce

Modem libero: cosa c'è da sapere


La data è quella del 31 ottobre, quando scatterà la novità del modem libero ovvero della libertà concessa agli utenti di scegliere il dispositivo migliore o comunque più adatto alle proprie esigenze. A stabilire questo storico passaggio è stata l'Agcom: in buona sostanza, in caso di stipula di nuovo contratto, gli utenti possono scegliere il modem router più adatto per connettersi al web. Occorre che l'apparecchiatura sia tecnicamente compatibile per la connessione alla rete e che il provider metta a disposizione tutte le informazioni necessarie in merito. In questo contesto AVM, società che propone prodotti per la connettività a banda larga e la rete domestica intelligente, ha preparato una lista di domande e risposte per fare chiarezza sulla vicenda.

Modem libero, domande e risposte

Secondo AVM sono almeno sei i vantaggi che derivano dal passaggio al modem libero, a iniziare da quello più evidente ovvero la libera scelta del terminale ritenuto migliore e più adatto rispetto alle esigenze personali per DSL, fibra ottica o LTE. Direttamente correlata a questa maggiore libertà, peraltro già concessa in altri settori come quello delle telefonia, il cliente è proprietario del modem router e sono annullati i costi di noleggio mensile per apparati o Wi-Fi. A conti fatti siamo davanti a un evidente ritardo nella regolamentazione del settore e da qui la formazione di un vero e proprio movimento di opinione a sostegno del passaggio al modem libero e alla libertà di scelta.

L'azienda evidenzia l'annullamento della necessita di pagare modem, router wireless o apparecchi telefonici aggiuntivi così come la possibilità di sfruttare tutte le funzionalità del modem router, tra cui telefonia VoIP e Internet TV. Ecco poi la possibilità di avere in un unico dispositivo per tutte le esigenze, con conseguente riduzione dei consumi energetici derivanti dall'installazione di dispositivi in cascata. Infine, ma non di minore importanza, passare al modem libero significa anche aggiornamenti gratuiti a nuove funzionalità, anche di sicurezza, resi disponibili direttamente dal produttore. Un po' come avviene nella gestione dei software.

Modem libero: cosa c'è da sapere

Liberalizzazione dei router significa che gli utilizzatori hanno diritto illimitato rispetto a ogni provider di telecomunicazione di collegare un router di libera scelta alla loro interfaccia di rete. Dal 31 ottobre 2018 i gestori della rete sono obbligatori a mettere a disposizione i dati di accesso della loro connessione. Non sono necessarie certificazioni particolari, ad esempio da parte del provider Internet. Come anche altri prodotti, i router devono disporre di una certificazione CE e riportare il rispettivo marchio CE.