Robot spettacolari, 4 video mostrano cosa possono fare realmente già oggi

Ci sono infatti i robot pensati per l'utilizzo domestico, pratici e utili, ma forse poco sorprendenti, ma anche quelli equipaggiati con una grande dose di intelligenza artificiale.

Robot spettacolari, 4 video mostrano cos

Robot sempre più spettacolari


Se c'è una parola che più di altre rischia di esser poco chiara è quella di robot. La ragione è semplice: si tratta di un termine generico che non identifica con precisione chi o cosa abbiamo davanti. Eppure, a scorrere alcuni dei concentrati di tecnologia di cui sentiamo parlare tutti i giorni si rimane stupiti. Ci sono infatti i robot pensati per l'utilizzo domestico, pratici e utili, ma forse poco sorpredenti, ma anche quelli equipaggiati con una grande dose di intelligenza artificiale, fino ad arrivare ai prodotti di Boston Dynamics, vere e proprie opere d'avanguardia. Rispetto a pochi anni fa, di nuovo c'è la maggior accessibilità ai robot.

Robot sempre più spettacolari

Una delle ultime creazioni ingegneristiche è il robot cane. Il suo camminare a quattro zampe lo rende molto simile al migliore amico nell'uomo, ma SpotMini riesce fare tecnicamente anche altro. L'artiglio prensile frontale di cui è dotato permette a SpotMini di afferrare oggetti con precisione e perfino capire cosa fare. L'esempio più evidente è la maniglia della porta, aperta e poi richiusa dopo aver attraversata l'uscio. A svilupparlo ci ha pensato l'azienda statunitense Boston Dynamics. Valkyrie è invece il frutto della collaborazione di Nasa e Università di Edimburgo. Questa volta il robot è un umanoide ideato per aiutare gli uomini a conquistare Marte.

Le intenzioni di Romeo Robot di SoftBanks Robot sono invece più affettuose: aiutare anziani e disabili come se fosse una badante. Adesso in fase di progettazione, potrebbe essere messo in vendita già il prossimo anno. Rimanendo in Italia, iCub dell'Istituto italiano di tecnologia di Genova può fare tante cose e il richiamo, anche nell'aspetto, è quello di un bambini: può gattonare e maneggiare oggetti e la telecamera ad alta risoluzione con cui è equipaggiato gli permette di ritrasmettere le immagini. Motobot di Yamaha ha invece un obiettivo ben preciso: è nato per sviluppare sistemi di assistenza alla guida e prevenire incidenti o comunque limitare le conseguenze di un impatto.