Siti web, oltre 200 per non pagare le tasse e sfuggire al Fisco

Le tasse hanno un peso molto elevato in Italia ed è quasi naturale che ci siano tantissimi siti web e blog che affrontano il tema. E che a novembre, mese delle tasse, ritorna molto di attualità

Siti web, oltre 200 per non pagare le ta

Tasse, come non pagare. Argomento caldo a Novembre mese delle tasse


Numerosi sono i siti web e blog che spiegano o tentanto o vantano di spiegare come pagare meno tasse ed è probabilmente normale in una nazione dove la pressione fiscale è intorno al 50%, ma che non è normale e giusto ch vi sia una evasione fiscale di 150 miliardi presunta, anche forse maggiore. E l'argomento ritorna di stretta attualità a Novembre-Dicembre i mesi delle tasse.

I siti web e blog

Da recenti analisi, i siti web e i blog che spiegano come non pagare le tasse o, meglio come pagare meno tasse sono circa 200, che illustrano anche i metodi per cercare di evitare di pagare le eventuali cartelle o multe che possono arrivare dall'Agenzia dell'Entrata o anche in questo per pagare meno.
Sono tutti consigli legali, sempre ovviamente al limite, che cercano di sfruttare aluni errori o buchi
del sistema, ma che, spesso, molti esperti spiegano come siano solo delle false illusioni e che possono venire facilmente contestati dalla stessa Agenzia dell'Entrata

Le ricerche maggiori avvengono in Lombaria e Lazio e proprio in questo mese Novembre e Dicembre, uno dei periodo insieme a quello delle dichiarazioni  di maggiodove si paga di più (basti pensare che ormai gli antici sulle tasse arrivano al 99% circa di quello che presubilmente si guadagnerà l'anno prossimo), ma si cerca anche di sistemare il bilancio sia aziende che professionisti di quest'anno per pagare menol'anno successivo

Questi siti web e blog vengono chiamati di escapologia fiscale e avrebbe dietro dei professionisti ed esperti del settore.

Cosa viene consigliato

Uno dei primi consigli è quello di creare una holding, ma che in realtà va bene solo per grandi  realtà e non può essere aplicata ad esempio a singoli professionisti o piccole aziende. E anche le medie devono spiegare al Fisco la necessità di creare una holding con motivi inerenti alla propria attività.

Altro consiglio è quello di acquistare un immobile, considerandolo come prima casa con l'azienda,
avendone tutti i benefici del caso, ma è quasi impossibile che la cosa poss passare, anche perchè ci deve essere per prima cosa i cambio di residenza e ad un controllo si capirebbe che non viene usata come prima casa. E si perderebbe tutti i benefici legati alla prima vera casa e si pagherebbe tutto il dovuto più le multe per la presunta prima casa, o meglio il tentativo. 

Fatturare ogni singolo evento come se fosse una spesa, una consulenza, dalla serata di dievrtimenti alle feste, anche in questo è facilmente contestabile in quanto vi deve una spiegazione chiara e netta da collegare al proprio lavoro e se poi parliamo di consulenze vi deve essere un rapporto di lavoro con tanto di contratto.

Per non pagare le cartelle fiscali e le multe, si usano spesso errori e vizi di conformità, senza però precisare che molto spessi questi stessi errori sono ormai stati sistemati dall'Agenzia delle Etrate e spesso anche i tribunali come la consulta non li considerano più tali da bloccare una sanzione.

Tutte queste spiegazioni sono solo una parte di quelle che hanno fatto una serie di commercialisti e professionisti che hanno aperto un sito dove spiegano il rischio e in buon aparte la falsità dei consigli e degli escapologi fiscali, defininendo il loro testo online, una vera e propria guida come Non è tutto oro quel che luccica, una guida critica e gratuita ai miti dell’escapologia fiscale







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il