iOS 11: i problemi riscontrati oltre Bluetooth e Wifi non spenti. iOS 11.1 già in arrivo

Ecco i problemi più comuni segnalati dagli utenti in seguito all'installazione del nuovo sistema operativo iOS 11 per le varie versione di iPhone e iPad.

iOS 11: i problemi riscontrati oltre Blu

iOS 11: i problemi riscontrati


C'è poco da stare sereni con il nuovo sistema operativo iOS 11. In questi primi giorni di test e di prova e dunque di commenti e valutazioni, non mancano le segnalazioni sulla presenza di qualche problema di troppo. Non si tratta di una situazione inedita, considerando che anche negli scorsi anni l'impatto dell'aggiornamento sulle varie release di iPhone e iPad, soprattutto quelli meno recenti, non è stato dei migliori. Siamo ancora nella fase preliminare ovvero resta ancora da capire l'effettiva portata dei problemi lamentati dagli utenti sul forum di discussione Apple, ma l'elenco inizia a essere particolarmente lungo. E di conseguenza è stato già messo in conto un primo e inevitabile update correttivo. Si tratta di iOS 11.1, atteso già in autunno, anche se non c'è una data ufficiale di rilascio.

iOS 11: i problemi riscontrati

Quali sono allora i problemi su iOS 11 che stanno facendo la loro comparsa? Due premesse sono indispensabili. La prima è la poca chiarezza intorno alla reale diffusione dei disagi segnalati. La seconda è sui dispositivi coinvolti nell'upgrade. Oltre che sui nuovi iPhone X, iPhone 8 e iPhone 8 Plus su cui è già preinstallato, iOS 11 è supportato da iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 6S, iPhone 6 Plus, iPhone 6, iPhone 5S, iPhone SE, iPad Pro da 12,9 pollici di prima e seconda generazione, iPad Pro da 10,5 pollici, iPad Pro da 9,7 pollici, iPad Air 2, iPad Air, iPad (2017), iPad 4, iPad mini 4, iPad mini 3. Ecco dunque i comparti per cui a vario titolo sono stati segnalati problemi:

  1. installazione
  2. durata della batteria
  3. Bluetooth
  4. Wi-Fi
  5. Touch ID
  6. audio
  7. prestazioni
  8. riavvio casuale
  9. connessione con PC o Mac
  10. Mail

C'è poi chi fa notare che disattivando Wi-Fi e Buetooth dai nuovi toggle nel Centro di controllo, il collegamento non si disattiva completamente poiché restano attivi servizi come AirDrop, Handoff e la geolocalizzazione. Un problema? Non proprio, ma una novità con cui occorre necessariamente prendere confidenza. In ogni caso, per rimanere aggiornati sui problemi di iOS 11 e relative soluzioni, un utile punto di riferimento è proprio il forum di discussione di Apple poiché è possibile richiedere assistenza. La società di Cupertino è consultabile anche tramite il suo account Twitter o il sito web della società nella sezione servizio clienti. Naturalmente ci sono anche gli Apple store fisici e allo stesso tempo resta sempre in piedi l'ipotesi di eseguire il downgrade a iOS 10.3.3.

Come scaricare comunque iOS 11

Al pari di quanto accade con tutti gli aggiornamenti di sistema operativo, siano essi major release o semplici update correttivi e migliorativi, tutti i device compatibili hanno ricevuto come la notifica con l'invito a scaricare subito o in seguito iOS 11. L'operazione è semplice e lineare ma comporterà l'impossibilità di utilizzo del device per circa un'ora. Ma nel caso di rinvio delle operazioni di upgrade, magari per verificare l'impatto del nuovo sistema operativo sul proprio device, seguendo il percorso Impostazioni Generali -> Aggiornamento Software -> Scarica e Installa direttamente dal dispositivo oppure collegando il device a un Mac o a un PC via iTunes, è possibile verificare manualmente la disponibilità e procedere con il download e la successiva installazione del software. L'intera operazione non comporta alcun costo per l'utente: le procedure di aggiornamento sono sempre gratuite.

Il nuovo framework ARKit permette agli sviluppatori di creare esperienze di realtà aumentata per iPhone e iPad. Proprio questa dovrebbe essere una delle più interessanti novità del rinnovato sistema operativo. Un'altra funzione assente in iOS 10 è il Drag and Drop. Progettata per iPad, permette di trascinare testi, foto e file da un'app all'altra. Di interessante c'è anche la nuova funzione Non disturbare perché riconosce quando siamo alla guida e si attiva in automatico disattivando chiamate, messaggi e notifiche che potrebbero distrarre. Una particolarità: collegando l'iPhone all'auto sull'app Mappe viene segnalata la posizione di parcheggio del veicolo.