iPhone 8 vs Pixel 2 e iOS 11 vs Android Oreo 8.1: caratteristiche, funzioni, differenze

Si rianima la sfida tra Google e Apple sia sul terreno hardware con iPhone 8 vs Pixel 2 e sia si quello software con iOS 11 vs Android Oreo 8.1.

iPhone 8 vs Pixel 2 e iOS 11 vs Android

iPhone 8 vs Google Pixel 2


Succede poi che a pochi giorni dall'evento di presentazione dell'iPhone 8 spuntano nuove indiscrezione sulla seconda generazione dei Pixel di Google. E allo stesso tempo, con l'iOS 11 alle porte, ecco che fa la sua comparsa Android Oreo 8.1. Semplice casualità o il solito gioco del botta e risposta tra Apple e Google? Sulla base delle esperienze degli scorsi anni e tenendo conto le continue punzecchiature a distanza, c'è da credere che questo è solo l'inizio di un'altra battaglia sui terreni dell'hardware e del software.

iPhone 8 vs Pixel 2

Luci puntate sull'iPhone 8 che sarà ufficialmente svelato all'Apple Park di Cupertino. Anche se restano alcuni dettagli chiave da scoprire, l'impianto base sembra già definito:

  1. display Oled da 5,8 pollici che ricoprirà quasi interamente la parte frontale tranne una striscia superiore per ospitare fotocamera e nuovi sensori
  2. processore A11 con 3 GB di RAM
  3. tagli di memoria da 64, 256 o 512 GB
  4. sistema operativo iOS 11
  5. sensore 3D per il riconoscimento facciale al posto del Touch ID per la lettura delle impronte digitali
  6. tasto Home virtuale al posto di quello fisico
  7. maggior supporto alla realtà aumentata
  8. dual camera nella parte posteriore
  9. nuova colorazione blush gold oltre ad argento e nero
  10. ricarica senza fili, ma da acquistare separatamente

Il Google Pixel 2 viene invece immaginato con corpo unibody e schermo Full HD da 5 pollici con tecnologia Amoled. Il suo cuore sarebbe il processore SoC Snapdragon 83 con 4 GB di RAM. Il taglio di memoria di base sarebbe da 64 GB, ma non espandibile tramite microSD. Dalla sua ci sarebbero una dual camera da 12 megapixel e una videocamera da 8 megapixel, porta USB di tipo C, scanner per la lettura delle impronte digitali, altoparlante Stereo, jack per cuffie montato in alto. Il sistema operativo? C'è già chi spiffera della presenza di Android 8.1 Oreo.

Android 8.1 Oreo vs iOS 11

La novità dell'ultima ora è allora rappresentata dall'avvistamento di Android 8.1 Oreo nell'SDK delle Google Apps, tra cui

  1. un avviso di suggerimento sul miglior collegamento dell'auto se collegata allo smartphone tramite Bluetooth.
  2. una guida di aiuto per la creazione di vie più brevi per l'utilizzo tramite Google Assistant
  3. una notifica e un pop-up per la visualizzazione dell'autonomia residua delle cuffie Bisto
  4. un'opzione per la disattivazione dell'editor di screenshot

Tutto pronto invece per iOS 11, gratuitamente scaricabile su iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 6S, iPhone 6 Plus, iPhone 6, iPhone 5S, iPhone SE, ma anche iPad Pro da 12,9 pollici di prima e seconda generazione, iPad Pro da 10,5 pollici, iPad Pro da 9,7 pollici, iPad Air 2, iPad Air, iPad (2017), iPad 4, iPad mini 4, iPad mini 3. L'update, oltre alla correzione dei soliti inevitabili bug, aggiunge una serie di nuovi servizi. La ricezione della notifica è automatica, ma seguendo il percorso Impostazioni Generali -> Aggiornamento Software -> Scarica e Installa direttamente dal dispositivo oppure collegando il device a un Mac o a un PC via iTunes, è possibile verificare manualmente la disponibilità e procedere con il download. Tra l'altro porta con sé novità anche per gli sviluppatori, ed esattamente

  1. Core ML
  2. MusicKit
  3. HomeKit
  4. SiriKit

Core ML permette di sfruttare le capacità di apprendimento automatico e di creare app in grado di prevedere, imparare e diventare più intelligenti. Progettato per iOS, questo framework per il machine learning mantiene tutte le operazioni in locale sul dispositivo, utilizzando il chip su misura di Apple e l'integrazione di hardware e software per offrire prestazioni di qualità. MusicKit consente di integrare le funzioni di Apple Music nelle loro app, offrendo agli utenti accesso a oltre 40 milioni di brani, suggerimenti, contenuti in evidenza e ricerche recenti. HomeKit è più accessibile e offre modi più intuitivi per muovere i primi passi nel settore e per autenticare i dispositivi tramite software. SiriKit permette di integrare Siri nelle app. In iOS 11 supporta più categorie, fra cui elenchi di attività, note e promemoria, operazioni bancarie come trasferimenti e saldi e app che visualizzano codici QR.