Temperatura in casa ideale spendendo meno, la soluzione è con l'IoT

Dall'appuntamento milanese IOThings 2018 sono arrivate interessanti indicazioni su come l'Internet of Things giochi un ruolo chiave per l'efficientamento energetico.

Temperatura in casa ideale spendendo men

La soluzione è con l'IoT


La questione dell'efficientamento energetico sta diventano sempre più centrale anche per gli italiani. Da una parte ci sono le nuove soluzioni tecnologiche trascinate anche dall'IoT (Internet of Things ovvero Internet delle cose) che rendono concreti scenari solo immaginati fino a pochi anni fa. E dall'altra ci sono le norme sulla contabilizzazione dei consumi per il riscaldamento che impone alle famiglie o comunque ai condomini di rivedere alcuni aspetti fino a questo momento dati per scontati. Sia per una gestione più corretta dei consumi nel segno del risparmio in bolletta, ma anche nell'ottica di contenere l'impatto sull'ambiente, le cui conseguenze sono facilmente avvertibili nelle grandi città, ecco che dall'appuntamento milanese IOThings 2018 sono arrivate interessanti indicazioni su come l'Internet of Things giochi un ruolo chiave.

In buona sostanza, la catena dell'operazione è a seguente: prima il rilevamento ambientale delle temperature tramite apparecchi collegati in wireless, quindi la l'analisi dei dati raccolti da incrociare con le abitudini dei consumatori, ma soprattutto con le reali esigenze secondo la logica che gli sprechi non servono a nessuno. Ecco quindi l'elaborazione di un sistema ottimizzato sulla base delle previsioni dei consumi. Non solo, ma mese dopo mese e anno dopo anno, stime e calcoli diventano sempre più precisi e aderenti alla realtà. In questo modo diventa facile sfruttare le strutture esistenti, tenere bassi i costi ed eliminare sprechi e dispersioni. E la facilità della procedura è dimostrato dal fatto che agli utenti basta un'app da scaricare sullo smartphone per gestire l'operazione ovvero personalizzare il riscaldamento di ogni area della casa.