BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Feste e ferie: taglio per aumentare Pil. Nuovo decreto legge Monti venerdì 20 Luglio 2012

Accorpamento delle feste per aumentare Pil? La questione in Cdm



Accorpare le festività per aumentare i giorni lavorativi e, dunque, il prodotto interno lordo: questa la nuova idea proposta dal governo che potrebbe essere esaminata già nel prossimo Consiglio dei Ministri di venerdì 20 luglio.

Secondo il sottosegretario Gianfranco Polillo, riducendo il numero di giorni non lavorati di una settimana si potrebbe arrivare ad un aumento del pil di circa un punto percentuale. Allo studio del governo anche l'ipotesi di trasformare in giorni feriali le festività patronali.

Rimangono comunque salve tutte le festività stabilite dagli accordi tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica. Sull'ipotesi di razionalizzare le festività, il sottosegretario Antonio Catricalà avrebbe, infatti, chiesto ai tecnici di diversi dicasteri di presentare entro breve un parere in modo che il provvedimento possa arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri già questo venerdì.

La questione feste patronali da eliminare o accorpare era stata affrontata anche dai governi precedenti. L’ex ministro dell’Economia Tremonti, all’epoca del governo Berlusconi, riteneva però che per le feste patronali rilevanti e non accorpabili alla domenica si poneva il problema di un decreto ma in ogni caso avrebbe riguardato solo il territorio con un effetto minimo sul Pil. Per questo i tanti dubbi su come muoversi in questa materia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il