BusinessOnline - Il portale per i decision maker








La terra e i cambiamenti negli ultimi 30 anni mostrati da Google

Immagini di una Terra che cambia: la novità di Google



Immagini satellitari che mostrano come la nostra Terra negli anni sia cambiata. Il progetto si chiama Timelapse ed è stato realizzato da una collaborazione tra Google, US Geological Survey (USGS), la NASA e il TIME. Grazie alla la tecnologia di Google Earth Engine, i vertici di Mountain View hanno raccolto e selezionato tantissime immagini satellitari.

Poi le immagini raccolte tra il 1984 e il 2012 sono state unite e mostrate in sequenza, cioè in time-lapse.Il risultato, per ogni area o località presa in esame, mostra i cambiamenti avvenuti sulla superficie di tale zona della Terra in poco meno di 30 anni.

Le immagini utilizzate per il progetto fanno parte della raccolta della missione Landsat, iniziata negli anni Settanta con una collaborazione tra l’agenzia spaziale americana e l’Usgs. 'Crediamo che questo sia il quadro più completo del nostro pianeta che cambia, mai messo a disposizione del pubblico', si legge sul blog di Mountain View.

Attraverso lo scorrere di tali immagini si possono anche osservare fenomeni spettacolari come il sorgere delle isole artificiali a forma di palma di Dubai, lo scioglimento dei ghiacciai dell’Alaska, la deforestazione dell’Amazzonia in Brasile oppure la crescita urbana di Las Vegas.

Dalle immagini si vede il ghiacciaio Columbia, in Alaska, avviato alla scomparsa; il paesaggio del Wyoming che cambia a vista d'occhio per colpa delle miniere di carbone; l’espansione delle infrastrutture di irrigazione in Arabia Saudita.

Poi c’è il disastro ecologico del lago di Aral, in Asia centrale che, a causa del prelievo di acqua per l'agricoltura, è praticamente prosciugato come pure il lago di Urmia, il più grande dell’Iran. Secondo gli esperti tra un paio d’anni questo lago a circa 600 chilometri a nord-ovest della capitale Teheran non esisterà più.

Per visualizzare le foto cliccare qui:


http://earthengine.google.org/#intro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il