Affittare box auto, cosa fare. Come procedere dal contratto alle spese e tasse da pagare

Come si procede per l’affitto di un box auto non abbinato ad un immobile e spese e imposte da versare: chiarimenti e informazioni

Affittare box auto, cosa fare. Come procedere dal contratto alle spese e tasse da pagare

E’ possibile affittare un box auto non abbinato a un immobile?

Sì: si possono affittare box auto anche non abbinati ad un immobile ma seguendo sempre le procedure di registrazione all’Agenzia delle Entrate previste per tutti gli altri contratti di immobili e versando la relativa imposta di registro.

 

La ricerca di un box auto è sempre molto alta nelle grandi città dove per evitare di lasciare macchine in strada e tutelarle al meglio, non avendo una casa con box o parcheggio auto, molti decidono di affittarlo o acquistarlo anche fuori dal proprio condominio. Come funziona l’affitto di un box auto, cosa prevede il contratto? E quali sono le imposte da pagare?

I box auto si possono affittare separatamente dalle abitazioni e in questi vasi sia la durata del contratto che il canone vengono liberamente concordati dalle parti. Ma per la stipula del contratto di affitto di un box auto bisogna seguire le regole previste per tutti i contratti, vale a dire registrazione all’Agenzia delle Entrate e conseguente pagamento dell’imposta di registro.

Contratto per affitto box auto

Anche per l’affitto di un box auto, esattamente come per altro immobile, è necessario stipulare un contratto di locazione la cui durata in questo caso, però, può essere liberamente stabilita dalle parti senza alcun vincolo. Per i contratti di affitto dei box non valgono infatti le regole in vigore per l’affitto di immobili, come affitto 4+4 o 3+2. Si possono decidere le durate in base ad esigenze o altri elementi.

Il canone di affitto di un box auto è libero, le parti possono concordare il prezzo e, come qualsiasi altro contratto di locazione di beni immobili, il contratto di affitto di un box deve essere registrato all’Agenzia delle Entrate sempre tranne quando ha una durata inferiore ai 30 giorni nell’anno.

Il contratto di affitto di un box auto si può registrare o tramite i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate (modalità obbligatoria per agenti immobiliari e proprietari di almeno dieci immobili); o recandosi presso un ufficio delle Agenzie delle Entrate e compilando il modello RLI; o rivolgendosi ad un intermediario abilitato (Caf, professionisti, ecc.)

Per il contratto di affitto di un box auto non abbinato ad un immobile, le due parti di proprietario e inquilino possono stipularlo anche in forma di scrittura privata, compilando l’apposito modello disponibile.

Spese affitto box auto

Per quanto riguarda l’affitto di un box auto, la legge in vigore prevede che siano a carico del conduttore solo le spese di manutenzione ordinaria ed eventuali spese condominiali (a meno che proprietario e inquilino non si mettano d’accordo diversamente), mentre le spese di manutenzione straordinaria devono essere sostenute del locatore.

Imposte e tasse per affitto box auto

Le imposte da pagare per l’affitto di un box comprendono:

  1. imposta di registrazione pari al 2% del canone annuo pattuito con un minimo da versarsi, in ogni caso, di 67 euro per la prima annualità;
  2. imposta di bollo di 16 euro per ogni quattro facciate scritte del contratto e, comunque, 16 euro ogni 100 righe.

Se il contratto di affitto di un box auto viene fatto per un tempo superiore ad un anno, si può pagare il costo dell’imposta di registrazione al momento della registrazione per tutta la durata del contratto versando il 2% dell’importo complessivo dei canoni da pagare per tutta a durata del contratto; o si paga l’imposta anno per anno entro trenta giorni dalla scadenza dell’annualità precedente.

Chi decide di pagare in un’unica soluzione al momento della registrazione può beneficiare di una detrazione dall’imposta dovuta pari alla metà del tasso di interesse legale moltiplicato per il numero di anni per cui è stato stipulato contratto.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie