Contratto part time 12 ore a settimana stipendio, malattia, ferie, permessi, disoccupazione, contributi pensione

Regole e norme che disciplinano il contratto di lavoro part time da 12 ore a settimana tra stipendi e contributi e diritti a ferie e permessi

Contratto part time 12 ore a settimana s

Qual è lo stipendio di un lavoratore con contratto part time 12 ore a settimana?

La stipendio orario minimo per un lavoratore part time con contratto da 12 ore a settimana è lo stesso previsto per un lavoratore con contratto di lavoro a tempo pieno ma da moltiplicare per le ore lavorative previste dal contratto part time.

Un contratto di lavoro, come ormai ben noto, può essere sia a tempo pieno, prevedendo un orario di lavoro full time che per la maggior parte dei Ccnl è previsto in 40 ore settimanali, sia part time, cioè con orario di lavoro ridotto rispetto a quello previsto del tempo pieno.

Lo stesso contratto part time può essere, poi, sia a tempo determinato quando prevede una scadenza precisa e sia a tempo indeterminato, senza alcuna scadenza, e può essere modulato su diverse ore di lavoro settimanali. Vediamo quali sono le regole previste dal contratto part time da 12 ore a settimana.

  • Contratto part time 12 ore a settimana stipendio
  • Contratto part time 12 ore a settimana malattia
  • Contratto part time 12 ore a settimana ferie e permessi
  • Contratto part time 12 ore a settimana disoccupazione
  • Contratto part time 12 ore a settimana contributi pensione


Contratto part time 12 ore a settimana stipendio

Lo stipendio da corrispondere a lavoratori con contratto part time da 12 ore a settimana deve ricalcare i minimi tabellari previsti dal relativo contratto nazionale di lavoro di impiego e in base ad essi essere calcolato sull’orario di lavoro effettivamente prestato, il che significa che pur se lavoratori a tempo pieno e lavoratori part time hanno diritto allo stesso stipendio stabilito da contratto, gli impiegati part time 12 ore a settimana percepiscono uno stipendio chiaramente inferiore rispetto a lavoratori full time.

La retribuzione oraria minima per un lavoratore part time con contratto da 12 ore a settimana è, dunque, la stessa prevista per un lavoratore con contratto di lavoro a tempo pieno ma da moltiplicare per le ore lavorative previste dal contratto.

Contratto part time 12 ore a settimana malattia


Per i lavoratori con contratto part time da 12 ore alla settimana nel caso di malattia valgono le stesse regole previste per tutti i lavoratori, cioè devono avvisare tempestivamente il datore di lavoro della propria assenza, recarsi dal proprio medico curante per il rilascio del certificato medico che lo stesso medico deve inviare a Inps e datore di lavoro e che riporta diagnosi e prognosi della malattia. Devono, inoltre, essere reperibilità nelle fasce orarie previste per le visite mediche fiscali.

Per quanto riguarda il calcolo dell’indennità di malattia per lavoratori con contratto part time da 12 ore a settimana, dipendono sempre dalla tipologia del contratto part time, se orizzontale, verticale o misto.

Per i lavoratori con contratto part time orizzontale, cioè che lavorano tutti i giorni lavorativi ma per un numero di ore inferiore rispetto a quelle ordinarie, infatti, si considerano le stesse modalità di calcolo dell’indennità di malattia per tutti gli altri dipendenti con trattamento economico più basso rispetto a quello spettante ai lavoratori a tempo pieno.

Per lavoratori con contratto part time verticale o misto che non lavorano tutti i giorni lavorativi ma solo alcuni giorni alla settimana, o settimane, il calcolo dell’indennità di malattia si basa a sulla retribuzione dovuta nei 12 mesi precedenti la malattia.


Contratto part time 12 ore a settimana ferie e permessi

I lavoratori con contratto part-time di 12 ore, come ogni altro lavoratore, sia a tempo pieno e sia part time, hanno diritto alle ferie annuali retribuite, essendo considerate dal nostro ordinamento un diritto irrinunciabile importante per il recupero delle energie psico-fisiche.

Il calcolo dei giorni di ferie nel lavoro part time varia a seconda del contratto part time se orizzontale, verticale o misto e, infatti:

  • per il part time orizzontale, i giorni di ferie cui hanno diritto i lavoratori con part time 12 ore a settimana sono gli stessi validi per chi è impiegato a tempo pieno;
  • per il part time verticale, i giorni di ferie si maturano sul periodo di lavoro effettivamente svolo e nei periodi di sospensione il lavoratore non accumula nulla;
  • per il part time misto, il calcolo delle ferie in base alle ore di lavoro effettivamente svolte.

Così come i giorni di ferie, anche i permessi spettano di diritto ai lavoratori con contratto part time, pur da 12 ore a settimana, e si calcolano in misura proporzionata alle ore di lavoro svolte.

Contratto part time 12 ore a settimana disoccupazione

Anche i lavoratori part time 12 ore a settimana, sia con contratto di lavoro a tempo determinato e sia con contratto di lavoro a tempo indeterminato, hanno diritto all’indennità di disoccupazione Naspi nel caso di cessazione del rapporto di lavoro ma a condizione di soddisfare i requisiti richiesti che sono:

  • aver perso il lavoro involontariamente, cioè per licenziamento o dimissione per giusta causa;
  • aver maturato almeno tredici settimane di contributi Inps nei quattro anni precedenti l’evento di disoccupazione;
  • aver maturato almeno 30 giornate di lavoro effettivo nell’ultimo anno.

Una volta richiesta e ottenuta la Naspi, l’indennità viene erogata al lavoratore part time per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contributi Inps versati negli ultimi quattro anni e il suo importo corrisponde al 75% dello stipendio percepito.

Contratto part time 12 ore a settimana contributi pensione

Per quanto riguarda poi il versamento dei contributi per la pensione per i lavoratori con contratto part time da 12 ore a settimana, è previsto il versamento di un minimale orario retributivo in base alle giornate di lavoro settimanale ad orario normale. Il calcolo dei contributi da pensione da versare parte dall’individuazione della retribuzione imponibile utile ai fini previdenziali.

Per i lavoratori con contratto part time 12 ore a settimana, retribuiti con paga oraria, la retribuzione minima oraria come base per il calcolo dei contributi previdenziali si ottiene rapportando alle giornate di lavoro settimanale ad orario normale il minimale contributivo giornaliero e dividendo l’importo risultante per il numero delle ore previsto dal normale orario di lavoro settimanale secondo quanto stabilito dal relativo Ccnl di impiego per lavoratori full time.

Per calcolare, dunque, i contributi previdenziali da versare al lavoratore assunto con contratto part time bisogna moltiplicare il minimale contributivo giornaliero per il numero delle giornate di lavoro ad orario normale (generalmente 5 o 6 giorni settimanali) e dividere il risultato per il numero delle ore di lavoro settimanale previsto per i lavoratori a tempo pieno (generalmente 40 ore settimanali).

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie