Cosa si deve scrivere nella causale bonifico per donazione soldi a figli

Quando e quali causali riportare nell bonifico per donazione di soldi a figli o altri parenti sia per importi di modico valore sia per importi di pił consistenti valore. Cosa fare e chiarimenti

Cosa si deve scrivere nella causale boni

Quale causale si deve riportare nella causale bonifico per donazione soldi a figli?

Per evitare problemi e controlli da parte del Fisco, quando si donano soldi a figli o altri parenti, sia di modico che di più consistente valore, è sempre meglio indicare la causale come ‘Regalia in favore di…’ indicando nome e cognome del beneficiario della donazione ed eventuale motivazione.

Per essere sicuri ed evitare controlli da parte del Fisco in seguito a donazioni di soldi a figli o altri parenti il consiglio è sempre quello di effettuare qualsiasi operazione in maniera chiara e trasparente donando soli con sistemi tracciabili come i bonifici e riportando la giusta causale. Ma cosa si deve scrivere nella causale bonifico per donazione soldi a figli?

Come avviene la donazione di soldi a figli

Chi decide di ‘regalare’ dei soldi ai propri figli o altri parenti, più o meno vicini, deve semplicemente decidere la somma da versare e, meglio per tutti, effettuare il relativo bonifico. Il bonifico per la donazione di soldi a figli è sempre consigliato sia nel caso in cui si tratti di donazioni considerate di modico valore, per definizione di una somma relativamente bassa per chi dona e chiaramente variabile a seconda del donante, perché una donazione di 500 euro a figli può essere di modico valore per chi percepisce 3mila euro al mese, ma non per chi percepisce 900 euro al mese, sia nel caso in cui si tratti di cifre più importanti.

Anzi, si potrebbe dire che soprattutto nel secondo caso il consiglio è sempre quello di donare soldi ai figli con bonifico bancario ma anche assegno, purchè si tratti di un sistema di pagamento tracciabile che possa essere noto all’Agenzia delle Entrate nel caso di richiesta di chiarimenti sul trasferimento dei soldi.

Inoltre, per la donazione di soldi a figli di importi più consistenti, come per esempio per l’acquisto di un’auto o di soldi per l’acquisto di una casa, per evitare possibili controlli da parte del Fisco, altro consiglio è quello di far redigere un atto pubblico da un notaio per da giustificare legalmente lo spostamento di soldi da genitori e figli.

Cosa scrivere nella causale bonifico per donazione soldi a figli

Il sistema tracciabile di trasferimento soldi per donazioni a figli o altri parenti presuppone l’indicazione di una causale: come, infatti, accade quando si effettua un qualsiasi pagamento con bonifico, anche per un bonifico di donazione di soldi ai figli deve essere riportata la causale.

Solitamente, come da regole previste, nella causale del bonifico per donazione soldi ai figli, che siano di modico valore o di valore più alto, è sempre giusto scrivere ‘Regalia in favore di…’ (digitando nome e cognome del beneficiario), o ‘Regalo per …’ (indicando sempre nome e cognome). E’ possibile anche specificare il motivo della donazione se per acquisto casa o auto o semplicemente per regalo di compleanno o matrimonio, per esempio.

Stando a quanto recentemente previsto dalla Corte di Cassazione per bonifici di somme di denaro consistenti da donare a figli o altri parenti è richiesta necessariamente la forma dell'atto pubblico. In questo caso, infatti, se manca l'atto pubblico e il donante muore, gli eredi possono impugnare la donazione e chiedere la restituzione dei soldi al beneficiario.

La mancanza dell’atto pubblico determina, secondo la Cassazione, la nullità della donazione come se la somma di denaro non fosse mai stata donata. Precisiamo che questa ipotesi interessa solo e soltanto donazioni di soldi davvero consistenti, non di entità minore, per esempio di 500 euro o anche mille o 2mila euro.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie