E' obbligatorio il casco se si guida monopattino elettrico nel 2021? Codice della strada e sentenze Tar

Meglio evitare di acquistare caschi di seconda mano per monopattino elettrico in quanto potrebbero essere danneggiati dal primo proprietario e non adattarsi correttamente.

E' obbligatorio il casco se si guida mon

Monopattino elettrico, il casco è obbligatorio o no?

No, il casco per guidare i monopattini elettrici non è obbligatorio. Il Codice della strada non prevede alcuna disposizione in materia.

Il boom dei monopattini elettrici è davanti agli occhi di tutti. Sempre più spesso notiamo questi pratici mezzi di trasporto solcare le strade italiane. Tuttavia, essendo un fenomeno piuttosto recente, sono ancora numerosi i dettagli normativi da chiarire e che sono soggetti a interpretazioni e pronunce da parte dei giudici.

Una delle discussioni più recenti riguarda l'obbligo dell'utilizzo del casco per via delle ordinanze di alcune amministrazioni comunali, a cui si aggiungono le pronunce del Tar e naturalmente le disposizioni contenute nel Codice della strada.

Approfondiamo i dettagli sulla guida del monopattino elettrico, anche sulla base delle novità che sono arrivate dalle aule della giustizia:

  • Monopattino elettrico, il casco è obbligatorio o no?
  • Quale casco scegliere per guidare il monopattino elettrico

Monopattino elettrico, il casco è obbligatorio o no?

La prima fonte di informazione alla quale ci rivolgiamo per sapere se indossare il casco è obbligatorio nel caso di guida del monopattino elettrico è il Codice della strada. Ebbene, non è presente alcuna disposizione che impone questo obbligo.

Si tratta di un passaggio normativo di fondamentale importanza poiché fa cadere le ordinanze che alcune amministrazioni comunali hanno emanato imponendo l'obbligo di indossare il casco. A stabilirlo è stata la giustizia amministrativa - esattamente il Tar di Firenze - secondo cui il potere dei Comuni ha dei limiti ovvero non possono riformare il Codice della strada e produrre norme in contrasto.

Il Comune di Firenze aveva imposto per i conducenti con più di 18 anni dei monopattini a propulsione prevalentemente elettrica che circolano sulle strade comunali nel territorio di Firenze, l'obbligo di indossare idoneo casco protettivo.

Il tutto nella convinzione che ciascuna amministrazione comunale può stabilire obblighi, divieti e limitazioni anche nei confronti dei monopattini elettrici, di carattere temporaneo o permanente per ciascuna strada o tratto di essa, o per determinate categorie di utenti.

Ma evidentemente questa interpretazione è stata considerata errata da parte del Tar, in attesa di conoscere il parere della giustizia amministrativa di secondo grado ovvero il Consiglio di Stato.

Quale casco scegliere per guidare il monopattino elettrico

I monopattini elettrici sono divertenti da guidare e facili da imparare. Ma guidarli senza casco può rivelarsi rischioso. Indossare un casco durante la guida di qualsiasi veicolo elettrico è estremamente importante poiché anche se ci si muove con cautela e sicurezza, è sempre possibile incorrere in incidenti se le altre persone sulla strada non guidano con attenzione.

Di solito, i migliori monopattini elettrici garantiscono una velocità compresa tra 30 e 50 chilometri orari. Di conseguenza indossare il casco è una salvaguardia da eventuali incidenti imprevisti. Inoltre, indossare un casco protegge in caso di gravi lesioni alla testa. Tuttavia, ci sono diversi tipi di caschi disponibili sul mercato e adatti per guidare un monopattino elettrico.

È importante scegliere un casco che non sia solo bello ma anche in grado di garantire sicurezza. Ed è quindi importante indossare un casco ogni volta che ci si mette alla guida di questo mezzo. Al giorno d'oggi, i caschi per ciclomotori sono una scelta diffusa per molti guidatori di monopattini elettrici.

A causa della loro durata, molti motociclisti tendono a scegliere questo tipo di caschi rispetto ad altri modelli. Conosciuti anche come mezzi caschi, coprono perfettamente la parte superiore della testa e la fronte. Il casco a faccia aperta è una scelta migliore in quanto copre anche i lati del viso e la regione del collo.

Alcuni suggerimenti aiutano a fare la scelta giusta, a iniziare dall'assicurazione il casco soddisfi i criteri degli standard italiani. Quindi che sia indossato correttamente.

Meglio evitare di acquistare caschi di seconda mano in quanto potrebbero essere danneggiati dal primo proprietario e non adattarsi correttamente. Ed è preferibile sostituire i caschi dopo un incidente, soprattutto se parzialmente o totalmente danneggiato. Infine, non comprare caschi larghi e assicurarsi che sia aderente. I caschi larghi non sono di grande utilità e potrebbero non salvare da lesioni alla testa.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il