BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Condanna Yahoo contro film in streaming e download illegali.

Il motore di ricerca condannato. La sentenza



La nona sezione del Tribunale di Roma ha condannato Yahoo! per aver proposto link a film pirata. A scatenare la questione è stato il film ‘About Elly’, le cui ricerche su Yahoo indirizzano a milioni di risultati in gran parte estranei al sito ufficiale del film.

La sentenza risulta unica nel suo genere perché ritiene il sito non solo mero strumento di ricerca e di aggregazione link, ma soggetto responsabile dei link veicolati tramite le proprie pagine.

Il motivo è che il motore di ricerca non ha rimosso i link presenti nelle sue pagine pur nella piena consapevolezza dei contenuti pirata correlati e non avrebbe, dunque, utilizzato gli strumenti necessari per allontanare da sé le responsabilità legate alla gestione dei risultati proposti agli utenti, divenendo corresponsabile per la promozione del materiale pirata.

La denuncia è partita dall’azienda distributrice del film ‘About Elly’ in Italia, PFA, per poi passare nelle mani della Open Gate prima di arrivare in tribunale. La sentenza del Tribunale di Roma mette in discussione gran parte della giurisprudenza fin qui accumulata su problematiche di questo tipo: a Yahoo viene imputata una specifica responsabilità sui link tracciati, e l’impianto accusatorio riesce a sancire la colpevolezza del motore per ‘l’attività di gestione del motore di ricerca nella misura in cui questi effettuano, attraverso specifici links, il collegamento a siti pirata, che permettono la visione in streaming o il downloading e peer to peer del film About Elly senza autorizzazione da parte del titolare dei diritti di sfruttamento economico sull’opera e quindi in lesione del diritto patrimoniale di autore’.

La sentenza che potrebbe costituire un precedente fondamentale per Internet in Italia, ha dunque stabilito che un motore di ricerca è responsabile dei siti che presenta agli utenti che lo consultano e ha l’obbligo di rimuovere tali link se non rispettano il copyright.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il