L'evasione fiscale sottrae 2000 euro ad ogni cittadino italiano all'anno

E' la cifra che ogni anno gli evasori 'sfilano' dalle tasche a ciascuno di noi



Sembra avvenuto, in questi giorni in Italia, uno strano fenomeno. Strano perché era inaspettato. Inaspettato perché non ci siamo abituati. In questi giorni di polemiche intorno, pro e contro la Finanziaria, si parla più di evasione fiscale che di aliquote, più di evasione fiscale che di allocazione di risorse per questo o quel provvedimento. Eppure, lo stupore non ci dovrebbe essere consentito.

Non si tratta infatti di entrare nel battibecco - definirlo dibattito ci sembra un po' troppo - per stabilire in quali settori dell'economia o in quali zone del Paese si annida il maggior numero di evasori. E' la stima dell'ammontare complessivo dell'evasione fiscale che fa rimanere a bocca aperta. La cifra che più frequentemente viene tuttora accreditata è 200 miliardi di euro annui.

E' un numero, questo, in realtà vecchio di qualche anno: risale infatti al 2004, quando per primo il Censis, in un rapporto sul lavoro "nero" in Italia, stimò che l'imponibile del sommerso poteva raggiungere appunto i 200 miliardi annui.
La valutazione trovò poi numerose altre autorevoli conferme. Quindi, se da un lato è certo che non si può pensare di ottenere gettito dal "lavoro nero" - chi agisce clandestinamente non si ravvede poi quando si tratta di pagare le tasse! - è sicuramente altrettanto certo che si tratta di una stima ottimistica. La Banca Mondiale, per esempio, pubblicò uno studio secondo il quale l'ammontare dell'imponibile sconosciuto al fisco italiano poteva raggiungere i 300 miliardi di euro all'anno.


Ma non è tutto. A ciò, infatti, occorre aggiungere le pratiche evasive ed elusive di chi conduce una regolare attività, ma non perde occasione per pagare meno tasse di quante dovute.

Trecento miliardi di euro all'anno, è vero, è una cifra che impallidisce di fronte a quella fornita per gli Usa dall'Internal Revenue Service (Irs), l'Agenzia delle entrate statunitense, che indica in ben 345 miliardi di dollari la differenza media annuale tra le entrate tributarie attese e il gettito effettivo delle imposte federali.


Non a caso, negli Stati Uniti c'è una "certa" tradizione nella caccia - fra le altre - all'evasore, tradizione talvolta mitizzata e talvolta persino soggetto cinematografico. Comunque, 88 americani su 100 considerano "inaccettabile" la pratica di non pagare le tasse, almeno secondo un'indagine dell'Oversight Board, organismo indipendente che ha il compito di suggerire all'Amministrazione tributaria come muta la concezione che delle imposte e dell'erario hanno i cittadini.

E negli Usa, dove l'evasione è reato penale, con gli evasori, appunto, non si scherza, come bene descrive "Quando il gioco si fa duro ...", un viaggio fra le più significative tecniche e strategie di lotta all'evasione fiscale adottate in vari Paesi europei ed extraeuropei, pubblicato oggi da www.fisconelmondo.it. Ma non si scherza neppure in Cina, si legge nell'articolo, in Gran Bretagna, in Irlanda, in India.

E in Italia? Beh, in Italia, quantomeno, sulla lotta all'evasione fiscale "c'è chi ha da ridire".
Eppure, torniamo alla cifra stimata: 200 o 300 miliardi di euro ogni anno sfuggono al fisco. Facciamo una via di mezzo e stabiliamo, una volta per tutte, che si tratta di 250 miliardi.

Duecentocinquanta miliardi di euro di imponibile potrebbero dare un gettito di circa 100 miliardi ogni anno. Siamo al 6/7 per cento del Pil (il Prodotto interno lordo), quasi l'equivalente della spesa sanitaria nazionale.

Ma trasferiamoci su un piano più individuale, più tangibile. Ipotizziamo, per comodità di calcolo, che noi italiani siamo 50 milioni: ebbene, ogni anno, dalle nostre tasche, gli evasori sfilano 2mila euro a testa. Puntuali, ogni 12 mesi, come ai "guappi" che riscuotono il "pizzo", siamo costretti a consegnare 2mila euro a testa, e altri 2mila per ogni nostro figlio, e li paga anche nostra moglie o nostro marito, il vicino di casa, il portiere, il medico, ...

Massimo A. Conte

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il
Puoi Approfondire