Badante non convivente, stipendio lordo e netto medio in base ore a settimana lavoro

Come si svolge il lavoro delle badanti non conviventi e come si calcola lo stipendio: cosa c’è da sapere e chiarimenti

Badante non convivente, stipendio lordo e netto medio in base ore a settimana lavoro

Come si calcola lo stipendio delle badanti non conviventi?

Lo stipendio delle badanti non conviventi si calcola sulle ore di lavoro che si svolgono effettivamente  e ad ogni livello previsto da contratto corrisponde una retribuzione netta oraria.

 

L’assunzione di badanti può diventare fondamentale in quelle famiglie in cui si necessita di qualcuno che possa sempre essere presente e assistere il parente anziano, autosufficiente o non, in assenza di altri membri della famiglia. E si può scegliere se assumere badanti conviventi o non conviventi in base alle proprie esigenze prevedendo diversi orari di lavoro per le badanti non conviventi e con costi che possono essere anche diversi da città a città e variare tra Milano, roma, Napoli, Bologna, Bari, Palermo, Genova, Firenze, Venezia, Perugia, Ancona, Messina, Cagliari.

Contratto badante non convivente 40 ore

Il contratto collettivo colf e badanti non prevede alcun requisito minimo di ore settimanali per la stipula di un contratto per le badanti non conviventi ma stabilisce le ore massime di svolgimento del lavoro che sono 40 per i lavoratori non conviventi e 54 per i lavoratori conviventi.

Ciò significa che è possibile assumere una badante anche per un’ora alla settimana seguendo le stesse regole e procedure previste per l’assunzione di una badante per 40 ore settimanali o 54. Le differenze legate al numero di ore settimanali prevedono, chiaramente, differenze per versamenti di contributi, disoccupazione, malattia, maternità, ecc. Le ore di lavoro delle badanti non conviventi determinano lo stipendio mensile calcolato ad ore.

Contratto badante non convivente 30 ore

La differenza tra le badanti non conviventi che lavorano fino alle 23 ore settimanali e quelli che lavorano più di 23 ore è il calcolo contributi Inps considera la settimana contributiva completa quella in cui la colf o badante lavora 24 ore o più. Un calcolo che, in realtà, ha poi conseguenze anche su altri aspetti come disoccupazione e maternità, perchè l'Inps, nel calcolo dei requisiti minimi valorizza le settimane in base sempre alle 24 ore.

Se, ad esempio, una badante non convivente lavora 12 ore a settimana, pe avere la disoccupazione deve raggiungere il doppio delle settimane di una badante che lavora 24 o più ore a settimana. Inoltre, la pensione si calcola sempre sulle settimane di 24 o più ore contributive e se le ore sono inferiori ciò che si matura è molto basso.
 

Contratto badante non convivente 54 ore

La badante full time lavora per 10 ore giornaliere non consecutive, con 2 ore di riposo, che si traducono in 54 ore settimanali. Tuttavia, l’assunzione delle badanti non conviventi non si può fare per 54 ore settimanali, che sono quelle indicate per badanti conviventi, ma per 52, 40 o 30 ore settimanali, o per un numero di ore diverso a seconda della necessità, restando nel limite massimo di 10 ore al giorno non consecutive.

Contratto part time badanti

La badante non convivente si può assumere anche con contratto part time, cioè con 30 ore di lavoro settimanali, stabilendo lo svolgimento dell’attività lavorativa in precise fasce orarie che sono solitamente tra le 6 e le 14 o tra le 14 e le 22. Le 30 ore di lavoro si possono svolgere distribuite in 10 ore giornaliere per 3 giorni alla settimana, con il rispetto delle 10 ore non consecutive.


Giorni di riposo badante non convivente

Le badanti non conviventi, come tutti i collaboratori domestici, hanno diritto a 16 ore all’anno di permessi retribuiti e sono previsti tre giorni di permesso retribuito in caso di lutto (morte di un familiare o parente); due giorni di permesso retribuito nel caso di nascita di un figlio e ulteriori ore di permesso ma non retribuite.

I lavoratori a tempo pieno e indeterminato che lavorano presso lo stesso soggetto da almeno un anno e mezzo hanno diritto a 40 ore di permessi retribuiti per la frequenza di corsi professionali specifici per il lavoro domestico, mentre le badanti part time (meno di 40 ore a settimana) hanno diritto a un numero di ore annuali proporzionato al loro orario di lavoro.

La badante non convivente ha, inoltre, diritto al riposo totale durante le festività dell’anno, come primo gennaio, 25 e 26 dicembre, 6 gennaio, Lunedì di Pasqua, 25 aprile, primo maggio, 2 giugno, 15 agosto, primo novembre, 8 dicembre e giorno del Santo Patrono della propria città. E sono anche previsti i giorni liberi che sono le domeniche e altre 12 ore libere in altro giorno.

Livelli badanti 2019

Stando a quanto previsto dal Ccnl di riferimento, per i lavoratori domestici, badanti non conviventi comprese, sono previsti quattro livelli, cui corrispondono retribuzioni e mansioni differenti e sono:

  1. Livello A, per collaboratore familiare con meno di 12 mesi di esperienza professionale, non addetto all'assistenza di persone, le cui mansioni sono addetto alle pulizie e alla lavanderia, aiuto di cucina, assistente ad animali domestici, addetto innaffiatura ed aree verdi, operaio comune che svolge piccoli interventi di manutenzione;
  2. Livello AS, per addetto alla compagnia e baby-sitter;
  3. Livello B, per collaboratore generico polifunzionale con mansioni di pulizie, riassetto casa, addetto cucina, lavanderia e assistente ad animali domestici, custode di abitazione privata, cameriere, giardiniere, autista, addetto al riassetto camere e servizio prima colazione anche per gli ospiti del datore;
  4. Livello BS, per assistente a persone autosufficienti e addetto per eventuali mansioni di pulizia della casa degli assistiti;
  5. Livello C, per cuochi;
  6. Livello CS, per assistente a persone non autosufficienti senza un diploma specifico e addetto ad eventuali attività connesse al vitto e alla pulizia della casa degli assistiti;
  7. Livello D, per amministratore dei beni e del patrimonio di famiglia, maggiordomo, governante, capo cuoco, capo giardiniere, istitutore con mansioni di istruzione/educazione dei componenti del nucleo familiare;
  8. Livello DS, per assistente a persone non autosufficienti con diploma specifico e addetto ad eventuali attività connesse al vitto e alla pulizia della casa degli assistiti, direttore di casa con mansioni di coordinamento e gestione per tutte le attività della casa.

Contratto badanti 2019: stipendio, livelli e mansioni

Lo stipendio delle badanti dipende dal livello di assunzione, dalle ore di lavoro, dal fatto se la badante sia o meno convivente, part time o full time.

Le principali mansioni della badante, convivente e non, dunque, sono: far compagnia alla persona anziana, pulire e mantenere in ordine la casa, fare la spesa, preparare i pasti, aiutare la persona a muoversi, curarne l'igiene personale, controllare che prenda le medicine e segua le terapie prescritte.

Per quanto riguarda gli stipendi, quelli orari netti previsti per le badanti non conviventi sono:

  1. per Livello A 4,62 euro;    
  2. per Livello AS 5,45 euro;  
  3. per Livello B 5,78 euro;    
  4. per Livello BS 6,13 euro;   
  5. per Livello C 6,47 euro;
  6. per Livello CS 6,82 euro;    
  7. per Livello D 7,87 euro;    
  8. per Livello DS 8,21 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie