Chi può impugnare una donazione e in quali casi secondo leggi 2020-2021

Eredi, donante stesso, creditori: chi sono coloro che possono impugnare una donazione, quando e in quali casi. Cosa c’è da sapere

Chi può impugnare una donazione e in qua

Chi può impugnare una donazione?

Stando a quanto stabilito dalle leggi 2020-2021, una donazione può essere impugnata dagli eredi del donante ma solo dopo la sua morte o dal donante stesso, se si tratta di una donazione da revocare per errori o perché fatta con violenza, o anche da eventuali creditori nel caso in cui il donante, scomparso, avesse debiti. 
 

Fare una donazione significa cedere un proprio, di qualsiasi tipologia, sia mobile, che immobile, ad un’altra persona, donatario, che può essere un coniuge, figlio, nipote, ecc. Generalmente la donazione viene considerata un anticipo della successione e viene decisa in piena autonomia da chi decide di fare la donazione.

Il donante, infatti, nella piena capacità di intendere e volere può decidere di donare una casa ad un figlio, per esempio, o una determinata quantità di denaro ad un figlio piuttosto che ad un altro o ad un nipote. Le donazioni, però, si possono impugnare. Vediamo allora chi e in quali casi può impugnare una donazione secondo le leggi 2020-201. 

  • Chi può impugnare una donazione
  • Impugnare una donazione casi e quando si può fare

Chi può impugnare una donazione

Stando a quanto stabilito dalle leggi in vigore, possono impugnare una donazione gli eredi della persona donante. Secondo le nostre leggi, infatti, la donazione rappresenta un anticipo sull'eredità che il donante decide di dare prima della sua scomparsa ad uno o più dei suoi eredi, per esempio una donazione di soldi al proprio figlio. Tuttavia, rientrando nella successione dell'eredità, anche la donazione, esattamente come una eredità anche con testamento, può essere impugnata.

Una donazione, però, può anche essere impugnata dalla stessa persona che ha donato il bene. In tal caso, la legge permette la revoca della donazione. Infine, una donazione può essere impugnata anche da eventuali creditori del donante.

Impugnare una donazione casi e quando si può fare

Per capire quando si può impugnare una donazione è bene fare una premessa: secondo le leggi 2020-2021, una donazione non può mai essere impugnata dagli eredi del donante fino a quando quest'ultimo è in vita. Si può impugnare una donazione solo quando il donante muore e i diversi casi in cui si può impugnare una donazione sono i seguenti:

  • nel caso di debiti da parte del donante, perché tramite un’azione revocatoria i creditori possono recuperare eventuali debiti del donante possono rifacendosi sul bene donato;
  • nel caso in cui si dimostra una violenza, che può essere sia fisica che psichica, attuata dal sdonatario per farsi cedere il bene;
  • quando si dimostra che al momento della stipula dell’atto il donante era incapace di intendere e di volere;
  • quando la donazione è avvenuta in forma non riconosciuta dalla legge, e cioè con atto pubblico e in presenza di almeno due testimoni.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il