In quali nazione dell'Est Europa conviene investire nel 2021-2022? I consigli e i giudizi di esperti ed analisti

La Polonia ha il più grande rapporto tra capitalizzazione di borsa e PIL nella regione al 55%, ma questo è ben al di sotto dei normali livelli di mercato.

In quali nazione dell'Est Europa con

Est Europa, in quali nazioni conviene investire?

Tra le nazioni dell'Est Europa in cui conviene investire ci sono certamente Lituania, Polonia, Russia e Turchia.

Nel corso della transizione dalle economie pianificate alle economie di mercato, gli investimenti diretti esteri hanno svolto un ruolo importante e hanno contribuito all'integrazione economica internazionale nell'Europa orientale. In quali nazione dell'Est Europa conviene investire nel 2021-2022? I consigli e i giudizi di esperti e analisti rivelano come l'interesse sia crescente.

Gli investimenti diretti esteri sono stati a lungo considerati un catalizzatore per la ristrutturazione, la modernizzazione e lo sviluppo economico nei paesi dell'Europa orientale, le cosiddette economie di transizione. Approfondiamo allora il quadro completo in questo articolo e più precisamente approfondiamo con maggiore attenzione.

  • Est Europa, in quali nazioni conviene investire

  • Investire negli Etf dell'Est Europa 2021-2022

Est Europa, in quali nazioni conviene investire

In Lituania, gli investimenti diretti esteri sono concentrati nei settori finanziario e assicurativo, manifatturiero, immobiliare, all'ingrosso, al dettaglio e dei servizi informatici. La Lituania è considerate dinamica e dispone di una forza lavoro qualificata, oltre a essere caratterizzata da un basso tasso di corruzione. Poi ci sono i mercati piuttosto diversi di Russia e Turchia. Entrambi hanno molti problemi e molte promesse.

In qualche modo, questi due grandi mercati sono negativi l'uno dell'altro. La Russia ha una crescita del Pil relativamente bassa ma è stabile in termini di fattori macro, mentre in Turchia è il contrario: un'economia instabile e una crescita del Pil superiore al 7%. A Mosca, gli acquirenti hanno scoperto che il settore immobiliare offre rendimenti più elevati rispetto ad altre forme di investimento. Allo stesso tempo, il nuovo sviluppo è limitato dalle difficoltà di ottenere finanziamenti per la costruzione, dalla limitazione dell'offerta e dall'aumento della domanda.

Qualcosa che non sta ancora accadendo su larga scala è la creazione di tecnologia, anche se lo vediamo in alcuni luoghi, ad esempio le case automobilistiche hanno sviluppato alcuni centri di ricerca e sviluppo in Romania, Ungheria e Repubblica Ceca.

La Croazia si è trovata al crocevia di grandi movimenti storici, sia orientali che occidentali. Questi cambiamenti politici hanno modellato in modo univoco i suoi confini attuali, che curvano intorno alla Bosnia-Erzegovina nell'Europa centrale e si estendono lungo il mare Adriatico di fronte all'Italia. La Polonia è una nazione di medie dimensioni situata nell'Europa centrale con una storia e una cultura modellate da un millennio di conflitti in tutto il continente europeo.

A Varsavia, lo scorso anno i prezzi delle case di fascia alta sono aumentati del 20% e anche le nuove costruzioni di lusso sono aumentate. Un recente rapporto PWC rileva che la capitale polacca ha visto investimenti significativi nel settore degli uffici, ma c'è ancora molto spazio per crescere per gli immobili residenziali. La Polonia ha il più grande rapporto tra capitalizzazione di borsa e Pil nella regione al 55%, ma questo è ben al di sotto dei normali livelli di mercato sviluppato di oltre il 100%.

Man mano che l'alfabetizzazione finanziaria migliora, sempre più aziende dell'Unione europea stanno arrivando a comprendere i vantaggi della raccolta di capitali sul mercato azionario, proprio mentre le famiglie iniziano a vedere gli investimenti in borsa, forse attraverso i fondi, come alternativa ai depositi bancari.

Investire negli Etf dell'Est Europa 2021-2022

Il modo più semplice per investire nell'intero mercato azionario dell'Europa orientale è investire in un ampio indice di mercato. Questo può essere fatto a basso costo utilizzando gli ETF. Negli ETF europei o ETF della zona euro, le società dell'Europa orientale sono generalmente rappresentate solo in piccola parte. Per un investimento in azioni dell'Europa orientale, sono disponibili 2 indici.

L'indicatore sintetico di spesa degli ETF su questi indici è compreso tra lo 0,20% annuo e lo 0,74% annuo. L'indice MSCI Emerging Markets Eastern Europe 10/40 replica i titoli azionari dei paesi emergenti dell'Europa orientale. La regola 10/40 incorporata limita il peso di una singola società al 10% dell'indice. La somma di tutte le società con pesi compresi tra il 5% e il 10% è limitata al 40%. L'indice MSCI Emerging Markets Eastern Europe ex Russia replica società ad alta e media capitalizzazione dei mercati emergenti dell'Europa orientale. Sono escluse le scorte dalla Russia.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il