Quando una azienda può togliere e revocare smart working ad un dipendente? Tutti i casi 2021 per legge

Lo smart working riduce i costi di gestione dell'ufficio e le spese generali come spazi per uffici, elettricità, riscaldamento e altre utenze.

Quando una azienda può togliere e revoca

Smart working: l'azienda può revocarlo?

Anche nel caso di contratto a tempo indeterminato, il datore di lavoro può revocare lo smart working al dipendente. Purché lo faccia nei termini di legge ovvero con il rispetto dei termini di preavviso che in genere sono di 30 giorni.

Lo smart working è uno dei benefit più apprezzati dai dipendenti. Il più grande vantaggio è l'opportunità per i dipendenti di stabilire un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Ma anche nell'orario più flessibile, che consente ai dipendenti di andare e venire a piacimento, o nel telelavoro, i datori di lavoro devono credere che il dipendente stia dedicando il proprio tempo e realizzando i propri obiettivi. In un ambiente flessibile, la fiducia è un fattore significativo.

Anche obiettivi misurabili e aspettative chiare sono importanti e quindi il datore di lavoro è a suo agio con il contributo continuo del dipendente. Il rischio è che i datori di lavoro senza supervisione che lavorano da casa potrebbero essere meno produttivi se non hanno un controllo diretto su di loro. Ecco quindi che può cambiare idea e decidere di togliere e revocare smart working a un dipendente. Ma lo può fare? Vediamo insieme:

  • Smart working: l'azienda può revocarlo o no

  • Smart working per lavoratori e datori

Smart working: l'azienda può revocarlo o no

Per smart working si intendono i nuovi modi di lavorare derivanti dalle nuove tecnologie e dalle pressioni economiche, ambientali e sociali. È una naturale evoluzione del concetto di telelavoro, poiché entrambi i termini significano lavorare fuori ufficio ma lo smart working sposta il lavoro praticamente in qualsiasi altro luogo, da un bar alla sala d'attesa di un aeroporto. Le nuove tecnologie sono un fattore chiave nello sviluppo di questa politica e sono progettate per facilitare la flessibilità sul lavoro e la mobilità.

Organizzare, facilitare e rendere in pratica il lavoro flessibile o a distanza implica una varietà di qualità e abilità, come comunicazione, flessibilità, fiducia, capacità organizzative, gestione del tempo. Per essere efficace, il datore di lavoro deve assicurarsi che il lavoratore sia pienamente in grado di lavorare a casa con la stessa efficienza dell'ufficio.

Aspetti chiave di uno smart working di successo sono livelli più elevati di collaborazione tra individui, tra team, con partner esterni e con il pubblico più ampio. Ma anche un impegno per la flessibilità: essere costantemente aperti a nuovi modi di lavorare e fornire servizi.

Così come la maggiore attenzione sulla gestione per risultati piuttosto che sulla gestione per presenza. Oppure l'enfasi sulla promozione di livelli più elevati di responsabilizzazione e autonomia del personale, per massimizzare i benefici degli stili di lavoro intelligenti e sull'utilizzo di nuovi modi di lavorare per aiutare i dipendenti a raggiungere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. Da non sottovalutare l'impegno a utilizzare nuove tecnologie e nuovi modi di lavorare per reclutare, trattenere e sviluppare la forza lavoro.

Anche nel caso di contratto a tempo indeterminato, il datore di lavoro può revocare lo smart working al dipendente. Purché lo faccia nei termini di legge ovvero con il rispetto dei termini di preavviso che in genere sono di 30 giorni.

Smart working per lavoratori e datori

Per i datori di lavoro che puntano sullo smart working è necessario implementare una serie di linee guida e formare i dipendenti prima dell'adozione di un orario flessibile. Ciò limiterà qualsiasi confusione o implementazione irregolare o scorretta all'interno della propria azienda. Se ci si avvicina per la prima volta a questa pratica, un buon punto di partenza potrebbe essere l'implementazione di orari di lavoro flessibili. Significa lavorare in un modello di lavoro diverso rispetto al modo in cui normalmente lavora un dipendente. Questo può essere fatto attraverso diversi tipi di accordi.

Lo smart working, anche pensando all'assicurazione Inail, riduce i costi di gestione dell'ufficio e le spese generali come spazi per uffici, elettricità, riscaldamento e altre utenze. Ma anche i problemi legati ai viaggi in quanto il personale non è coinvolto da scioperi di autobus o treni o maltempo. Dopodiché dà la possibilità di una più ampia scelta di candidati per l'assunzione: il datore di lavoro può scegliere candidati da qualsiasi parte del Paese e del mondo.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il