Quanto guadagna mediamente un libero professionista (partita iva) all'anno in Italia 2022

╚ un dato di fatto, la maggior parte dei liberi professionisti potrebbe guadagnare di pi¨ per un carico di lavoro equivalente.

Quanto guadagna mediamente un libero pro

Libero professionista con partita Iva, quanto guadagna?

La media dei redditi tra le donne è di circa 24.000 euro mentre quella tra gli uomini di 43.000 euro.

Un libero professionista non sa con certezza quanto guadagna fino alla fine dell'anno o addirittura alla fine dell'anno successivo ovvero quando sono ha versato i contributi previdenziali. A differenza di un lavoratore dipendente, il libero professionista con partita Iva deve occuparsi personalmente della contabilità e della retribuzione. Comprende la presa in considerazione degli oneri professionali e dei contributi sociali.

I guadagno del freelance è quindi liberamente stabilito da se stesso e viene negoziato con il cliente. Tuttavia, il costo del servizio fisso corrisponde in realtà a coprire tutti gli oneri che gravano sul libero professionista. Sappiamo che le differenze di ricavi possono essere molto pronunciare ma cerchiamo di vederci meglio e comprendere:

Libero professionista con partita Iva, quanto guadagna

Lo stato dei guadagni del libero professionista in Italia

Libero professionista con partita Iva, quanto guadagna

È un dato di fatto, la maggior parte dei liberi professionisti potrebbe guadagnare di più per un carico di lavoro equivalente. Non ci sono più intermediari che prendono un margine sul servizio. Sebbene il guadagno sembri ovvio, ci sono molte domande prima di fare il passo verso l'indipendenza Quale regime fiscale scegliere? Come funziona l'amministrazione? E la contabilità, è complicata? Quanto vendere la giornata ai clienti?

Queste domande sono perfettamente normali. Ed è anche un buon segno per capire come funziona, per essere sicuri di essere referenziati correttamente. La prima cosa per avere successo nel freelance è vendersi correttamente e quindi fissare il giusto prezzo, a ore, giorno o prezzo fisso, a seconda della natura dell'incarico da svolgere. Quando parliamo di libero professionista con partita Iva, ci riferiamo a un'ampia tipologia di figure. Tra l numerose rientrano:

  • Agente di commercio

  • Agrotecnico

  • Architetto

  • Assistente Sanitario

  • Avvocato

  • Biologo

  • Chimico

  • Consulente Del Lavoro

  • Estetista

  • Farmacista

  • Fisioterapista

  • Geologo

  • Geometra

  • Giornalista

  • Guida Turistica

  • Ingegnere

  • Logopedista

  • Odontoiatria

  • Ottico

  • Pediatria

  • Podologo

  • Psichiatra

  • Psicologo

  • Psicoterapeuta

  • Restauratore

  • Veterinario

Diventare un libero professionista implica avere un'idea del compenso che si vuole ricevere in generale e quindi sapere come impostare un prezzo che soddisfi le proprie aspettative. Per poter stabilire il prezzo, è necessario prendere in considerazione altre informazioni oltre alla remunerazione desiderata. Ad esempio, quali sono le tariffe della concorrenza.

La media dei redditi tra le donne è di circa 24.000 euro mentre quella tra gli uomini di 43.000 euro.

Lo stato dei guadagni del libero professionista in Italia

Secondo il X Rapporto AdEPP sulla Previdenza Privata, I liberi professionisti rappresentano circa il 6% dei lavoratori italiani. La maggiore densità di professionisti si trova nel Lazio con 31 professionisti ogni mille abitanti.

Il numero di nuovi iscritti è diminuito del 6% dal 2005 al 2019, con un aumento del 2019 rispetto al 2018. I nuovi iscritti sono al 51% donne. Considerando solo gli under 40 le nuove iscritte superano i colleghi uomini di quasi il 20%. Il reddito nominale dei liberi professionisti è aumentato negli ultimi 14 anni del 2,4%. Il reddito reale, deflazionato con Ipca è sceso di quasi il 14%. Nell’ultimo anno di analisi il reddito nominale ha fatto registrare un sostanziale stallo. I liberi professionisti under 40 guadagnano un terzo dei loro colleghi over 50. Le libere professioniste donne dichiarano il 45% in meno dei loro colleghi uomini.

I professionisti nel sud Italia dichiarano un reddito del 50% inferiore ai colleghi del nord Italia mentre i professionisti del centro Italia dichiarano il 20% in meno. Al Nord la differenza uomo donna è del 46%, al Centro del 47% mentre al Sud del 43% Decisamente elevate sono le differenze di reddito dei professionisti che si registrano nelle diverse regioni italiane. I redditi più alti vengono dichiarati dai professionisti uomini in Lombardia: circa 65.000 euro annui. Quelli più bassi in Calabria dove una professionista dichiara poco più di 13.000 euro.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il